Atuttapagina.it

Da Veroli a New York, la storia di Simone e del suo successo da liutaio

Barrie Kolstein è uno dei più celebri liutai d’America. Figlio di Samuel, che aprì il laboratorio e il “Violin Shop” nel 1943 a Brooklyn, Barrie ha raccolto l’eredità paterna, continuando a legare il proprio nome a strumenti realizzati – o restaurati – con una maestria che ricorda quella degli iniziatori dell’antichissima e complessa arte della liuteria.
Nel suo laboratorio di New York Barrie è a capo di uno staff di dodici persone provenienti da ogni parte del mondo che, con abilità, pazienza, bravura, precisione, realizzano o restaurano violini, viole, violoncelli, contrabbassi, archetti che saranno poi maneggiati da musicisti di fama internazionale.
Nello staff di Barrie c’è anche un giovane liutaio italiano. Verolano, per la precisione. Ed è a Veroli che tuttora risiedono il papà Luigi e la mamma Lina. Simone Diana, da sempre appassionato di musica, dopo aver frequentato per qualche anno il Conservatorio “Refice” di Frosinone sotto la guida del maestro Luca Cola ha studiato alla scuola di liuteria “Bottega di Parma” del maestro Desiderio Quercetani, in cui ha appreso le tecniche di costruzione della liuteria classica italiana. Simone ha poi frequentato corsi in tutta Italia ma, ammette, «è qui da Kolstein che ho imparato tanto». Negli Usa ormai da tre anni, Simone ha avuto, infatti, l’opportunità di restaurare strumenti importanti come un Montagnana e un Testore, entrambi risalenti al ‘700.
Far parte della squadra di Kolstein ha significato, per Simone, poter lavorare con artisti del calibro di Miroslav Vitous (membro fondatore dei Weather Report e titolare di una discografia che lo ha visto collaborare con Miles Davis, Chick Corea, Wayne Shorter, Joe Zawinul, Jan Garbarek), Charnett Moffett (altro virtuoso che si è fatto notare già negli anni ’80 per la sua frequentazione con gente come Wynton Marsalis e Branford Marsalis), Harvie S (prolifico contrabbassista già al lavoro con Gil Evans, Lee Konitz, Barry Miles).
Ultimamente Simone ha assistito al seminario sull’improvvisazione jazz tenuto nel negozio di Kolstein da Miroslav Vitous – «Nell’ambiente musicale è considerato ormai una leggenda vivente», ha detto Simone – a cui ha fatto seguito un concerto, mentre nel futuro del giovane liutaio verolano c’è un appuntamento importantissimo. L’anno prossimo Simone parteciperà, infatti, a un concorso internazionale: la convention dell’International Society of Bassists, che si terrà a giugno 2017 a Ithaca (New York). «Gli strumenti saranno selezionati con estrema cura – ha detto Simone -. Io sono stato invitato a partecipare in qualità di giovane liutaio. Sono attualmente al lavoro su un contrabbasso disegnato da me da presentare proprio in questa occasione». (Ilaria Ferri)

Simone Diana1

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni