Atuttapagina.it

Frode da 11 milioni in commercializzazione del tartufo, denunciati 49enne di Sora e 28enne di Alvito

Per anni hanno commercializzato il tartufo senza presentare le dichiarazioni fiscali e senza pagare le imposte dovute, realizzando una frode nei confronti dell’Erario per oltre 11 milioni di euro. A scoprire la frode fiscale sono stati i finanzieri della Tenenza di Sora, che hanno scoperto tre aziende dell’hinterland sorano operanti nel settore della commercializzazione del pregiato tubero, che avevano omesso la presentazione delle dichiarazioni fiscali e di versare le imposte dovute.
Le operazioni di verifica fiscale, rese difficoltose dall’omessa esibizione delle scritture contabili e dalle modalità di approvvigionamento del tartufo, che avveniva attraverso raccoglitori dilettanti o occasionali della provincia di Frosinone, tutti privi di partita Iva, sono state eseguite attraverso controlli indiretti ed indagini bancarie, attraverso le quali è stata individuata la numerosa clientela, costituita da aziende ubicate prevalentemente nelle regioni Umbria e Marche.
La ricostruzione dei flussi di denaro transitati sui conti bancari intestati alle aziende verificate e ai relativi responsabili ha consentito di quantificare il giro di affari delle imprese verificate e di segnalare alla competente Agenzia delle Entrate la base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi, per un ammontare complessivo di oltre 9 milioni di euro, e l’Iva evasa, per un ammontare di circa 2 milioni di euro. I responsabili delle tre aziende – un quarantanovenne di Sora e un ventottenne di Alvito – sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, per cui è prevista la pena della reclusione fino ad un massimo di 4 anni.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni