Atuttapagina.it

“Non ci è permesso di entrare nel centro sociale di Corso Lazio”. La denuncia dei ragazzi del quartiere

«Siamo stati a fare volantinaggio a Corso Lazio, a Frosinone, per invitare la popolazione del quartiere a partecipare all’incontro previsto per sabato 5 marzo, alle 16, presso il Centro sociale. All’incontro si raccoglieranno i questionari diagnostici ASMA e BPCO per lo studio epidemiologico in corso nella città di Frosinone, in collaborazione con l’Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente. Abbiamo incontrato un gruppo di ragazzi di 12-13 anni del quartiere e ci siamo fermati a conversare un po’. Dalla conversazione è stato evidenziato che i ragazzi non hanno accesso al Centro sociale, riservato solo agli anziani, e che il Centro sportivo è riservato solo ai “ricchi”, questa è stata la loro espressione, che possono pagarsi la scuola calcio». Lo racconta Francesco Notarcola, presidente dell’Osservatorio Peppino Impastato.
«Avete capito bene? Il Centro sociale e il Centro sportivo, pagati con i soldi di tutti i cittadini, sono riservati a categorie particolari – prosegue Notarcola -. E il fatto scandaloso è che fino ad oggi nessun consigliere comunale se ne sia accorto, parimenti alle associazioni di quartiere che brillano per il loro silenzio».
«Denunciamo questa vergogna, come da impegno assunto con i ragazzi, e chiediamo al sindaco di intervenire urgentemente per mettere fine ad una discriminazione inaccettabile che impone divieti assurdi per l’utilizzo di strutture pubbliche a giovani e ragazzi che vorrebbero impiegare il loro tempo libero nel migliore dei modi», conclude il presidente dell’Osservatorio Peppino Impastato.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni