Atuttapagina.it

Il 27 aprile 2014 il Frosinone affrontava L’Aquila, domenica si andrà a San Siro: ricordare il passato per godere del presente

Frara, Gucher, Zappino, Blanchard, Paganini, Soddimo, Crivello, Matteo Ciofani, Russo. No, non è una formazione del Frosinone schierata da Stellone in questa stagione di Serie A. Sono, invece, nove undicesimi della squadra che due anni fa, il 27 aprile 2014, scese in campo contro L’Aquila nella penultima giornata del campionato di Lega Pro Prima Divisione.
Sono passati appena ventiquattro mesi, settecentotrentuno giorni: sembrano pochi, ma sembra anche un’eternità per il Frosinone. Allora il Leone inseguiva la vittoria del campionato che avrebbe dato il via libera alla promozione in Serie B, promozione arrivata poi ai play-off qualche settimana più tardi. Sembra passato un secolo, eppure nove giocatori di quella formazione sono ancora nel Frosinone, così come Daniel Ciofani, Gori e Carlini, che quel giorno erano in panchina al fianco di Stellone, un altro “reduce” di quel 27 aprile di due anni. Sembra passato un secolo soprattutto perché in quella circostanza l’avversario era, detto con il massimo rispetto e la dovuta stima, L’Aquila, battuto in quel match al Matusa per 3-0. E, invece, domenica prossima il Leone scenderà di nuovo in campo alla Scala del calcio, lo stadio San Siro, per affrontare uno dei club più titolati al mondo: il Milan.
Non bisogna mai dimenticare il proprio passato, perché solo in questo modo si può godere appieno del presente. (Gabriele Margani)

Nella foto di Gianluca Polselli la Curva Nord in occasione di quel Frosinone – L’Aquila.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni