Atuttapagina.it

Nasce il font chiamato Frusino, sarà un carattere tipografico utilizzato per rappresentare la provincia

Dall’intesa tra la Camera di Commercio di Frosinone e l’ADD, Associazione Distretto del Design, è scaturito il bando del concorso di grafica nazionale “Un carattere in piazza”, per l’ideazione di un carattere tipografico che potesse contribuire all’identificazione del territorio provinciale nei processi di comunicazione, un carattere per l’immagine coordinata dei Comuni in tutte le loro relazioni esterne, dalle comunicazioni istituzionali alla pubblicistica, dal marketing alla toponomastica, dal web alla tv. Il risultato è stata la realizzazione di un nuovo font, il “Frusino”, disegnato da Andrea Amato, illustrato e commentato in un catalogo che raccoglie illuminanti testi sull’argomento a firma dei componenti della giuria: Giovanni Anceschi, Giovanni Lussu, Jonathan Pierini, Salvatore Zingale, Luca Calselli (in rappresentanza dell’ADD). A conclusione della manifestazione è stato organizzato un convegno a Frosinone il 23 settembre presentato da Giovanni Fontana.
Il lavoro è stato, inoltre, presentato da Luciano Rea e Luca Calselli nel mese di gennaio presso il dipartimento di Architettura e Disegno industriale della Seconda Università di Napoli (SUN), con Luigi Maffei e Ornella Zerlenga.
“Un carattere in piazza” è approdato a Milano in occasione della XXI Triennale e, durante la Design Week, evento di portata mondiale, è stato presentato al Palazzo della Triennale presso la prestigiosa sede del teatro Agorà, lo scorso venerdì. Soddisfazione è stata espressa dal presidente di Aspiin Genesio Rocca perché un progetto nato e realizzato in provincia di Frosinone, in stretta sinergia con il sistema camerale locale, possa avere avuto il giusto riconoscimento in una vetrina così prestigiosa.
A moderare e presentare il lavoro è stata Raimonda Riccini, uno dei personaggi femminili più autorevoli nell’ambito del design, coordinatrice del dipartimento di Design dello IUAV di Venezia e presidente nazionale dell’AIS Design (Associazione Storici del Design).
Luciano Rea e Luca Calselli hanno esposto il senso e gli obiettivi del lavoro. Sono intervenuti Jonathan Pierini dell’Università ISIA di Urbino, Salvatore Zingale del Politecnico di Milano, Giovanni Anceschi, noto teorico del Design, e il vincitore Andrea Amato di Milano.
«Mettere “un carattere in piazza” significa prima di tutto pubblicizzarlo, poi renderlo familiare affinché possa essere adottato e infine lanciarlo nell’universo della comunicazione – ha affermato il presidente di Aspiin Genesio Rocca -. Un’operazione di questo tipo, che può essere resa possibile attraverso la sensibilizzazione istituzionale, ma non senza il contributo determinante di chiunque abbia modo di avere a che fare con l’universo della scrittura, sia essa convenzionale o mediatica, potrà garantire nel tempo un forte sostegno alla definizione dell’identità territoriale. Comunicare per farsi riconoscere e per riconoscersi. Del resto sappiamo bene quanto sia importante la forma nei processi comunicativi: sia la forma del discorso orale, con tutti gli annessi e connessi legati alla dimensione sonora e gestuale, sia la forma della scrittura. L’auspicio è quello di un buon successo di marketing territoriale».
Il progetto a cura dell’Associazione Distretto del Design di Sora è stato attuato con la collaborazione e il contributo di Aspiin, Camera di Commercio di Frosinone. Il catalogo “Un carattere in piazza” è stato pubblicato da Edizioni Artstudiopaparo di Napoli con il Progetto grafico e impaginazione di Giovanni D’Amico (D’Amico Graphic Studio, Frosinone).

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni