Atuttapagina.it

Veroli piange la scomparsa del pittore e scenografo Michele Franculli

E’ scomparso Michele Franculli, artista originario della provincia di Potenza ma residente da anni a Veroli.
Il sindaco Simone Cretaro e l’assessore alla Cultura Cristina Verro hanno manifestato il proprio cordoglio e quello dell’amministrazione comunale di Veroli: «Esprimiamo un messaggio di vicinanza alla famiglia nella consapevolezza che la memoria di Michele, grazie alle sue innumerevoli opere, alcune delle quali donate alla città di Veroli ed esposte nel Palazzo comunale, resterà indelebile nella percezione cittadina».
Michele Franculli, nato a Palazzo San Gervasio in provincia di Potenza, il 18 giugno 1935, viveva a Veroli. Tra i vari incarichi avuti, è stato responsabile del reparto Pittura di Cinecittà 3. Tra i suoi lavori più importanti si ricordano: “Cleopatra” di J.L. Mankiewicz, “Caccia alla Volpe” di Vittorio De Sica, “La Bisbetica Domata” di Franco Zeffirelli, “Medea” di Pier Paolo Pasolini e altri.
Ha lavorato anche per la televisione impegnandosi nella sua attività in “Leonardo da Vinci”, “La vita di Giuseppe Verdi” e “Il furto della Gioconda” di Renato Castellani; “Cosimo De Medici”, “Pascal” e “Cartesio” di Roberto Rossellini; “L’Orlando furioso” di Luca Ronconi; “Puccini” e “Lulù” di Sandro Bolchi. Tra gli spettacoli per la televisione si ricordano ancora “Studio Uno”, “Fantastico”, “Domenica In”, “Bim Bum Bam”, “Guazzabuglia”, “I fatti vostri”. Dal 1970 al 1980 ha lavorato a “Commedie” di Eduardo Scarpetta e Eduardo De Filippo. Poi al “Bagaglino” con Pier Francesco Pingitore. E per finire a “Buona Domenica”, al Festival di Sanremo e “Ciao Darwin”, popolari trasmissioni televisive seguite da numeroso pubblico.
Tanti sono a ricordare “I quadri di Michele”, per la loro capacità di dare rilevanza alla cultura contadina. I lavori dell’artista Franculli «sono poesia e speranza di un futuro che riporti la natura alla centralità che le spetta». Franculli ha dipinto quello che più desiderava, debuttando a Milano in giovane età e allestendo personali a Chioggia e a Roma. Proprio a Veroli, nell’estate scorsa, ha esposto le sue ultime opere presso la Galleria La Catena. Un’esposizione davvero originale, di cui in tanti apprezzarono il lavoro dell’artista e dell’uomo, dalla spiccata sensibilità verso la natura e la cultura contadina.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni