Atuttapagina.it

1 Maggio festa dei lavoratori? Non per chi muore sui luoghi di lavoro: nel 2015 aumentate le vittime

Sono tornati a salire nel 2015 gli incidenti mortali sul lavoro: +16% le denunce rispetto al 2014, 1.172 casi a fronte dei 1.009 dell’anno precedente. La stima è dell’Inail secondo cui si tratta di «un dato preoccupante che interrompe un andamento comunque positivo». Dal 2010-2014, infatti, annota ancora l’istituto, le denunce avevano registrato una flessione del 24,21%.
Il 2016, comunque, sembra essersi avviato positivamente: le ultime rilevazioni disponibili registrano che, nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 marzo, infatti, le denunce di infortunio compresi i casi mortali sono state 152.573, con una riduzione dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le denunce di infortunio con esito mortale sono state 176, con un calo del 14,6% rispetto all’analogo periodo del 2015. «I dati dell’andamento infortunistico disponibili sono positivi, ma non devono comunque far abbassare la guardia. Finché ci sarà un solo morto per il lavoro sarà una sconfitta per tutte le Istituzioni», commenta l’Inail.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni