Atuttapagina.it

Il futuro allenatore del Frosinone? Nella scelta non si disperda l’entusiasmo dei tifosi

Se l’impegno, i sacrifici e la passione di Maurizio Stirpe rappresentano un patrimonio del Frosinone, il più importante, ce n’è un altro che va ugualmente preservato. Ed è il patrimonio dei tifosi.
In questa stagione il pubblico giallazzurro ha accettato, con grande maturità e una lodevole lungimiranza, il progetto della società. Ha preso atto dei piani a media e lunga scadenza e ha avallato l’idea che le strutture sportive fossero più importanti degli investimenti sulla squadra. Ha anche applaudito un gruppo di giocatori retrocessi, che nonostante l’inferiorità tecnica nei confronti di quasi tutti gli avversari si sono battuti con onore.
Adesso quello stesso pubblico si prepara ad affrontare la nuova stagione in Serie B quasi con lo stesso entusiasmo di un anno fa, quando si arrivava da una promozione. Un entusiasmo che va preservato. In che modo? Offrendo alla piazza un nome convincente per la panchina giallazzurra. I tifosi hanno il diritto di continuare a sognare, anche se il prossimo campionato dovesse vedere un Frosinone puntare ad una posizione di metà classifica. A loro, però, in questo momento va consegnato un tecnico che sappia coltivare quell’entusiasmo che può essere il fattore aggiunto per il Leone, come lo è stato nelle ultime tre stagioni. Non si disperda questo immenso patrimonio: un piccolo sforzo per un allenatore importante vuol dire ripagare il popolo giallazzurro per quegli applausi dopo le partite con il Palermo e il Sassuolo. E significa ripartire con rinnovata euforia nell’ambiente. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni