Atuttapagina.it

La camorra sulla Serie B, secondo gli inquirenti scommesse fino a 400 mila euro su ogni partita

«Non c’entro assolutamente niente». Così il difensore del Genoa Armando Izzo, indagato a Napoli per aver truccato due partite dell’Avellino nel torneo di Serie B 2013-14. Al centro dell’inchiesta il clan Vinella Grassi.
«Non c’entro assolutamente niente, credo nella magistratura». Armando Izzo, il giocatore napoletano del Genoa indagato nell’inchiesta su calcio e camorra, assicura di essere estraneo alla vicenda che lo tira in ballo per due match sospetti, quando il difensore giocava in B con l’Avellino. «Mi sembra di vivere un incubo – dice Izzo a Sky Sport -. Ricordo solo che ero infortunato in quelle due gare (Modena – Avellino 1-0 e Avellino – Reggina 3-0) e che non ho neanche giocato, ora mi sento un po’ abbattuto a leggere queste cose».
Francesco Millesi, ex centrocampista dell’Avellino e oggi all’Acireale, e l’ex calciatore Luca Pini sono tra i destinatari del provvedimento agli arresti domiciliari firmato dal gip Ludovica Mancini del Tribunale di Napoli. Nei loro confronti è ipotizzato il reato di concorso esterno in associazione camorristica, la stessa ipotesi per cui Armando Izzo, ex difensore dell’Avellino e oggi al Genoa in Serie A (era candidato anche agli Europei con la Nazionale), è iscritto nel registro degli indagati senza che nei suoi confronti sia stata richiesta alcuna misura cautelare. Tra gli indagati liberi c’è anche Maurizio Peccarisi, difensore dell’Avellino, finito nel registro di inchiesta perché un collaboratore di giustizia parla del suo presunto contributo per il gol del Modena contro l’Avellino che consentì al clan di vincere una grossa somma di denaro. Gli inquirenti ritengono che gli esiti di almeno due partite del campionato di Serie B della stagione 2013-14 fossero pilotati per consentire ai boss di scommettere sul risultato esatto centinaia di migliaia di euro (in un caso addirittura 400 mila euro).

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni