Atuttapagina.it

Sulla retrocessione pesano le sviste degli arbitri. Nella prossima stagione si rispetti il Frosinone

Retrocessi per propri demeriti, senza dubbio, ma sulla mancata permanenza dei giallazzurri in Serie A hanno inciso anche le tante sviste arbitrali. Nei momenti decisivi della stagione il Frosinone si è visto negare ciò che gli sarebbe spettato. Tra calci di rigore a proprio favore non assegnati, espulsioni a proprio svantaggio decise con eccessiva fretta e, in generale, un trattamento che spesso ha danneggiato il Leone, sono tanti gli episodi verificatisi in questo campionato. E, va sottolineato, i “fatti” più clamorosi sono accaduti contro le big della Serie A: basti pensare alle due partite contro la Roma o alla sfida d’andata contro la Juventus. Con questo tipo di trattamento una piccola squadra viene definitivamente affossata.
Mancano dei punti al Frosinone: difficile quantificare il numero esatto, ma la classifica poteva e doveva essere migliore se gli arbitri fossero stati più attenti. Dispiace anche che di questo ne abbiano parlato solo i cronisti locali, fatta eccezione per Michele Plastino, autorevole giornalista di Teleroma 56, e per qualche altra voce fuori dal coro. E dispiace che la società non si sia fatta sentire come avrebbe potuto e dovuto fare: il solo Stellone dopo la partita con il Genoa è uscito allo scoperto.
Questa stagione è, insomma, da dimenticare per le sviste arbitrali. Il prossimo anno, però, si pretende un maggiore rispetto da parte dei direttori di gara e dell’Aia. L’impegno e il sacrificio di una squadra di calcio non possono essere umiliati da fischi fin troppo… distratti. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni