Atuttapagina.it

Pescara-Trapani e Lanciano-Salernitana, al via le finali play-off e play-out di Serie B

L’attesa sta per finire. Il tempo delle finali play-off è ormai prossimo e Pescara e Trapani sono pronte in vista di questa doppia sfida che deciderà la squadra che accompagnerà Cagliari e Crotone in Serie A il prossimo anno. Entrambe le compagini arrivano al massimo della forma e senza altro risultato se non la vittoria nelle precedenti gare dei play-off. Per quanto riguarda i precedenti, sono 16 le sfide a Pescara tra le due squadre, con un bottino di 7 successi biancazzurri, 7 pareggi e 2 vittorie granata, ma il fattore campo è saltato in tutte le ultime 4 stagioni in cui le due squadre si sono affrontate: le ultime 3 in Serie B (inclusa la 2015-16) e nella serie C 1973-74. Per ritrovare una vittoria abruzzese in casa si deve tornare all’1-0 nella Serie C del 1969-70. La partita di domenica è apertissima come confermato anche dai risultati delle sfide di campionato: una vittoria per parte, entrambe per la squadra che giocava fuori casa. Sarà una gara speciale anche per i due tecnici: Oddo è stato giocatore alle dipendenze di Cosmi nel Lecce 2011-12, quando l’allenatore perugino subentrò a Di Francesco. Entrambe arrivano da importanti strisce positive: 11 gare utili per il Pescara (9 vinte e 2 pareggiate), con ultimo ko a Terni (1-0) il 26 marzo scorso, mentre sono addirittura 18 le gare senza sconfitta per il Trapani (14 vittorie e 4 pareggi), con l’ultimo ko a Chiavari, 4-0 contro la Virtus Entella il 13 febbraio scorso.
Tutto in 180 minuti anche nella finale play-out. Virtus Lanciano e Salernitana si giocano tutta la stagione in due partite al cardiopalma che vorranno dire salvezza per una e retrocessione per l’altra. Allo stadio “Biondi” domani alle 20:30 va, infatti, in scena il primo atto dei play-out della Serie B 2015-16 tra due squadre che hanno chiuso la stagione con tanti alti e bassi, ma arrivano comunque a questo match in salute e con la voglia di far felici i propri tifosi. Tra Abruzzo e Campania i rossoneri non hanno mai perso in gare ufficiali con la Salernitana nei 7 precedenti, di cui 4 in casa e 3 in trasferta; il bilancio vede 2 vittorie rossonere e 5 pareggi. Nei 4 confronti al “Biondi” entrambe le formazioni sono sempre andate in gol: 6 reti rossonere e 5 granata. Per quanto riguarda gli allenatori, tra Maragliulo e Menichini l’unica sfida è quella del ritorno della regular season 2015-16, con successo dei frentani 1-3 all’Arechi. Menichini – da par suo – in carriera da allenatore non ha mai sconfitto i rossoneri su 4 partite: 1 pareggio e 3 sconfitte per il mister granata. Parlando dei play-out in generale, c’è da dire che questa è l’edizione numero 11 (non disputati nel 2007-08 e 2012-13): 5 volte li ha vinti chi era arrivato quart’ultimo, altrettante la quint’ultima. Motivo, questo, per cui il risultato è davvero imprevedibile. La Virtus Lanciano proverà a sfruttare il fattore casa che è stato uno dei punti di forza dei rossoneri: 35 punti in regular season, che fanno di Marilungo e compagni la migliore tra le ultime 11 della classifica finale per rendimento interno, anche se però i rossoneri hanno vinto una sola partita nelle ultime 10 giornate, 2-1 in casa sul Novara il 19 aprile scorso; nel mezzo 4 pareggi e 5 sconfitte. La Salernitana è, invece, la regina assoluta dei pareggi nella Lega B 2015-16 (18, con il Como) e arriva da un buon rendimento esterno: nelle ultime 7 trasferte ha perso solo a Cagliari (3-0), collezionando poi 1 vittoria e 5 pareggi.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni