Atuttapagina.it

Castrocielo, inaugurato stabilimento Nestlé Vera. Anche l’area di Aquinum coinvolta nell’investimento

È stato inaugurato oggi a Castrocielo il nuovo sito produttivo del Gruppo Sanpellegrino, divisione italiana di Nestlé Waters, per la produzione di acqua minerale a marchio Nestlé Vera. Hanno preso parte alla cerimonia di apertura il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Castrocielo Filippo Materiale.
Ad accoglierli presso il nuovo stabilimento Marco Settembri, CEO Nestlé Waters, e Stefano Agostini, presidente e amministratore delegato del Gruppo Sanpellegrino.
Il progetto industriale, del valore di 16 milioni di euro, si caratterizza per un approccio innovativo in grado di conciliare al massimo livello sostenibilità ambientale e sviluppo economico. Oltre a costituire un’importante occasione di crescita e occupazione a livello locale e regionale, lo stabilimento rappresenta un modello di sviluppo futuro per l’intero comparto delle acque minerali.
«Il nuovo stabilimento di Castrocielo rappresenta un’eccellenza non solo nel panorama italiano, ma anche a livello internazionale per le innovative tecnologie implementate che ne fanno il sito più virtuoso nel Gruppo Nestlé Waters per la capacità di ottimizzare il consumo di acqua per litro imbottigliato – ha affermato Marco Settembri, CEO Nestlé Waters -. Questo progetto industriale è un’ulteriore prova della volontà di Nestlè Waters di investire in innovazione e sostenibilità, continuando a valorizzare le risorse idriche locali».
«Siamo orgogliosi di inaugurare il nuovo sito produttivo di Castrocielo – ha dichiarato Stefano Agostini, presidente e amministratore delegato del Gruppo Sanpellegrino -, sinonimo di eccellenza industriale in termini di innovazione, modello produttivo e distributivo e sostenibilità ambientale. Questa operazione, di ampia valenza strategica, ci consente di completare il progetto di multisourcing, raggiungendo in maniera ancora più diretta e sostenibile i consumatori dell’area centrale del Paese. Crediamo fortemente nelle potenzialità del nuovo stabilimento che, con una  produzione di circa 220 milioni di litri di acqua minerale nel primo anno, avrà un impatto positivo sul territorio in termini di occupazione, sviluppo economico, valorizzazione del patrimonio locale e crescita sostenibile».
La presenza del Gruppo Sanpellegrino a Castrocielo rappresenta non solo un motore di sviluppo economico e sociale, ma contribuisce anche alla creazione di valore condiviso per il territorio a tutti i livelli, attraverso la costante collaborazione con le istituzioni locali. L’impegno dell’azienda si concretizza attraverso interventi per la valorizzazione delle eccellenze di cui l’area di Castrocielo è ricca, a livello naturalistico e culturale.
Il primo importante progetto al quale ha assicurato il proprio sostegno, in collaborazione con l’Università del Salento e il Comune di Castrocielo, è il recupero dell’area archeologica di Aquinum, vero simbolo del territorio, che rappresenta anche un’opportunità di promozione turistica.
«La collaborazione tra il Comune di Castrocielo e Sanpellegrino ha permesso la realizzazione di un progetto di altissimo valore per il nostro territorio – ha commentato Filippo Materiale, sindaco di Castrocielo -. Un progetto che vogliamo sia un’importante occasione di sviluppo e di rilancio non solo dal punto di vista economico e occupazionale, ma anche di valorizzazione dei tesori culturali e naturali di inestimabile valore che costituiscono patrimonio prezioso del nostro paese. Aver trovato una sinergia anche per gli scavi di Aquinum, fiore all’occhiello di questa zona, e per la riqualificazione del Lago di Capodacqua è uno dei valori aggiunti più significativi di questa collaborazione. Il nostro obiettivo è quello di fare di Castrocielo, attraverso queste attività, un polo attrattivo di quest’area del Lazio».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni