Atuttapagina.it

Il Prefetto contro i motociclisti imprudenti della Sora-Pescasseroli: “Il limite scende a 70 km/h”

Nella mattinata di oggi, nel corso di una riunione di coordinamento, il Prefetto Emilia Zarrilli ha portato all’esame delle Autorità e delle Forze di Polizia le problematiche inerenti il fenomeno dei motociclisti imprudenti che percorrono la strada regionale ex SS Sora-Pescasseroli, rei di una guida pericolosa o quanto meno avventata.
Durante l’incontro, a cui erano presenti, oltre al Prefetto gli amministratori dei Comuni interessati, le associazioni territoriali NO-MAV, i vertici dell’Astral e i rappresentanti delle Forze di Polizia, è stata esaminate la questione nei suoi molteplici aspetti, con lo scopo di focalizzare le criticità ed individuare iniziative volte a favorirne il superamento. Il Prefetto Zarrilli ha, inoltre, sottolineato l’importanza delle azioni di prevenzione e contrasto degli incidenti stradali, operate dalle Forze dell’Ordine e dai corpi di Polizia Locale, sollecitando un’intensificazione dei servizi di controllo, vigilanza e monitoraggio.
Si è convenuto, con lo scopo di prevenire, contrastare e reprimere con maggiore efficacia i comportamenti illeciti, rispetto al tratto stradale interessato dal fenomeno oggetto della riunione, di abbassare i limiti di velocità a 70 km/h con apposita ordinanza Astral, ente proprietario del tratto stradale, con decorrenza 1 agosto – 30 settembre, di moltiplicare la presenza delle Forze dell’Ordine e di applicare la massime sanzioni previste. E’ stata valutata, inoltre, su proposta del Prefetto, l’ipotesi di rinominare il tratto in “Strada degli Orsi”, in relazione alla presenza di diversi esemplari che vivono nell’area protetta circostante.
«Ai fini di un più efficace dispiegamento delle strategie di contrasto abbiamo inteso predisporre le necessarie ed urgenti misure, affinché le stesse amministrazioni comunali favoriscano il più ampio coinvolgimento della Polizia Municipale attraverso lo svolgimento di servizi mirati e diretti in un’azione di vigilanza e prevenzione integrata e partecipata, con lo scopo di raggiungere al meglio gli obiettivi fissati durante la riunione», ha dichiarato il Prefetto Zarrilli.

La foto ha un valore puramente illustrativo.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni