Atuttapagina.it

La Cisl di Frosinone lancia Aida, un software per avere accesso ai bilanci comunali ed aziendali

La Cisl di Frosinone lancia “Aida” grazie alla collaborazione con Bureau Van Dijk, società di consulenza gestionale, specializzata nella valutazione ed implementazione di sistemi di analisi delle informazioni.
Aida è un potente software che consente di ricercare, analizzare e valutare le aziende ed i Comuni: uno strumento unico, che grazie alla combinazione di dati e software consente un’immediata analisi delle aziende, anche del territorio della provincia di Frosinone.
Tutti i dati, con uno storico fino a 10 anni, sono indicizzati e possono essere utilizzati come chiavi di ricerca, elaborati, valutati ed esportati in molteplici formati.
«A giorni verranno calendarizzati momenti formativi per i dirigenti sindacali della Cisl, per poter avere e poter studiare i bilanci dettagliati secondo la IV Direttiva Cee, il dettaglio debiti e crediti, i bilanci consolidati, non consolidati e in Ifrs, i dati indicizzati, con uno storico fino a 10 anni, indicatori economico-finanziari precalcolati e personalizzabili, negatività e rating – annuncia Enrico Coppotelli, neo segretario generale della Cisl di Frosinone -. Il sindacato si fa 4.0 ed Aida è uno strumento fondamentale per aumentare l’efficacia della nostra azione in sede di contrattazione di secondo livello e di contrattazione sociale nei Comuni della provincia di Frosinone. Lo scopo della banca dati “Aida Cisl” realizzata è quello di conoscere quanto spende ciascuno dei 91 Comuni della provincia di Frosinone, censiti per l’erogazione del welfare, e se l’amministrazione comunale presa in esame “gode di buona salute”. Rappresentano, quindi, un valido strumento per permettere al sindacato una migliore contrattazione territoriale rivolta ai bisogni dei cittadini, delle famiglie e degli anziani superando i confini classici della base associativa sindacale. I dati di bilancio considerati sono certificati e provenienti dal rendiconto che le amministrazioni comunali sono obbligate a comunicare al Ministero dell’Interno».
Il report Aziende, invece, consente l’accesso alle informazioni societarie presentate in una chiave di analisi focalizzata alla contrattazione di secondo livello e che accompagna il sindacalista nel capire le evoluzioni economiche e patrimoniali delle aziende censite: strumento fondamentale per sedersi al tavolo delle trattative con competenza e soprattutto con dati certi.
«Lo spostamento del baricentro della contrattazione a livello aziendale e territoriale – conclude Coppotelli – valorizzerà la partecipazione dei rappresentanti sindacali della Cisl presenti sul territorio della provincia di Frosinone. Per questo dobbiamo specializzare i nostri dirigenti e delegati sindacali, sempre di più, in contrattazione aziendale, territoriale e sociale per affrontare, con più competenza, i tempi difficili che stiamo vivendo. Da sindacato della concertazione dobbiamo diventare sindacato della contrattazione diffusa. Quindi, dovremmo essere in grado di codificare un sistema di lettura e di analisi degli aspetti più rilevanti della realtà locale, per attivare processi di programmazione e di sviluppo adeguati ai reali bisogni dei lavoratori e dei pensionati. Questo richiederà un nuovo ordine di priorità per costruire un sistema integrato di interventi che parta dalla Cisl».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni