Atuttapagina.it

Veroli, le opere dell’artista Luigi Centra in mostra all’ex chiostro agostiniano

“Grandi Opere” è il titolo della mostra che l’artista Luigi Centra terrà a Veroli nell’ex chiostro agostiniano dal 27 agosto al 18 settembre. L’inaugurazione della mostra è prevista per domani 27 agosto alle 18 alla presenza dell’assessore alla Cultura del Comune di Veroli, Cristina Verro, che ha patrocinato l’iniziativa culturale.
Centra con i suoi  dipinti ripercorrerà la storia dell’arte lunga una vita (1960-2016). «Era proprio il 1960 – ricorda l’artista – quando iniziai a dipingere le fotografie in bianco e nero con il pennello nella mia casa materna di Carpineto Romano, a testimonianza che non furono gli inglesi ad essere i primi a dipingere le fotografie  in bianco e nero. Originali gli stencil creati su carta paglia che un tempo veniva usata per incartare la conserva che si acquistava ad etti nei negozi di generi alimentari; si caricava la pompetta dell’insetticida che avevamo in casa e con il colore murale spruzzavamo i bordi delle camere a chi ne faceva richiesta, insieme a mio fratello Mario».
Luigi Centra nel tempo, specie negli anni ’70, inizia a diventare esponente di quella scuola di pop art italo-americana rivalutata in Italia insieme a Mario Schifano, Lichtenstein e altri artisti. Non ha mai, però, tralasciato la sua grande originale passione: quella dell’impressionismo astratto che dipingeva sempre sulle lenzuola, trafugate dapprima a sua madre. Lavori, questi, che hanno attirato l’attenzione di critici d’arte, tra cui Giulio Carlo Argan ed anche Vittorio Sgarbi, che più volte ha illustrato i lavori di Centra quali comunicazione del «senso dell’esistenza remota, presente e futura».
L’artista si è cimentato anche nella letteratura e poesia ricevendo premi alla cultura per i volumi “Castelli di Ciociaria” e poi “Castelli del sud Lazio, Latina e Roma Sud”.
«Siamo certi – dice l’assessore Cristina Verro – che la mostra di Centra susciterà molta curiosità attirando l’attenzione di appassionati d’arte. L’iniziativa è anche un riconoscimento ad un artista impegnato da tempo e conosciuto a livello nazionale ed internazionale non solo per le sue originali opere, ma anche per la sua indubbia capacità relazionale».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni