Atuttapagina.it

La Polizia libera 88 cardellini trasportati illegalmente e denuncia tre persone

Nel pomeriggio di ieri, nel corso dei servizi di vigilanza predisposti sulla tratta autostradale, una pattuglia della sottosezione Polizia Stradale di Cassino ha sottoposto a controllo una Volkswagen Golf che percorreva l’A1 all’altezza del Km 678 in direzione Napoli.
Fermata l’autovettura, gli agenti hanno proceduto alla verifica dei documenti del veicolo e di quelli personali dei tre occupanti, tutti residenti a Napoli.
Durante il controllo i soggetti hanno cominciato a muoversi nervosamente intorno alla Golf assumendo un comportamento che ha immediatamente insospettito gli agenti; peraltro, in considerazione del fatto che gli stessi annoveravano a loro carico precedenti inerenti la cattura ed il possesso di animali di specie protetta, è stata effettuata un’immediata e minuziosa ispezione del veicolo nel cui bagagliaio sono state rinvenute 5 gabbie di varie misure contenenti complessivamente 88 cardellini, 2 borse contenenti 2 reti a sacco, 2 corde lunghe circa 20 metri, 4 paletti di sostegno e vari picchetti.
I volatili sarebbero stati verosimilmente destinati alla vendita nei mercati illegali dell’hinterland partenopeo, dove ancora resiste la cultura di acquistare e tenere in casa i cardellini, noti per il canto ed il piumaggio sgargiante.
Il business che ruota attorno all’uccellagione è di portata considerevole, soprattutto se si considera che per gli esemplari dalle migliori qualità canore e di riproduzione il prezzo lievita fino a 2-3 mila euro. Per i bracconieri il mese di settembre è uno dei periodi migliori per la cattura del cardellino, che migra verso i paesi caldi attraversando le pianure. Le aree del casertano, del frusinate e in generale del basso Lazio costituiscono i territori privilegiati per questo tipo di pratica illegale, che sottrae all’ambiente un’importante risorsa faunistica.
Al termine degli accertamenti i tre uomini, di età comprese tra i 55 e i 65 anni, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per aver catturato e detenuto uccelli non cacciabili di specie protetta; gli agenti della Polizia Stradale hanno, quindi, sequestrato le gabbie e, in collaborazione con personale qualificato della Polizia Provinciale, hanno liberato i cardellini nelle campagne del Cassinate, dove potranno riappropriarsi del loro habitat naturale.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni