Atuttapagina.it

Olimpiadi 2024, Ottaviani torna all’attacco dopo il no di Raggi. E coinvolge i sindaci di Latina, Viterbo e Rieti

I sindaci delle quattro città capoluogo del Lazio – Rieti, Viterbo, Latina e Frosinone – stanno elaborando un documento comune per evitare che il parere contrario di Virginia Raggi, il sindaco di Roma, possa chiudere definitivamente il capitolo delle Olimpiadi da celebrarsi in Italia nell’estate del 2024. Simone Petrangeli, Leonardo Michelini, Damiano Coletta e Nicola Ottaviani sono convinti che il ritorno economico e sociale delle Olimpiadi a Roma possa generare un circuito virtuoso per tutto il Lazio, partendo proprio dall’area metropolitana. La formula delle Olimpiadi di “Roma Capitale 2024” al posto di “Roma 2024” potrebbe – a detta dei quattro sindaci – superare la contrarietà che il Consiglio comunale di Roma si appresta a votare, dopo la decisione assunta dal sindaco Raggi nelle ultime ore.
«L’articolo 114 della Costituzione – ha dichiarato il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani – individua in Roma non uno dei tanti comuni Italiani, ma la Capitale dell’intero Paese. Un Consiglio comunale può decidere quello che avviene sul proprio territorio, ma quando sono in gioco le linee di sviluppo di una Capitale, gli investimenti di quell’ambito territoriale coincidono con gli investimenti dell’intero Paese. Tenendo presente, dunque, che l’organizzazione dell’evento può essere assunta direttamente dal Governo, con il supporto delle città contigue all’area metropolitana romana, alla Raggi si chiede soltanto di non opporsi a questa soluzione che permetterebbe, da un lato, la realizzazione dei nuovi impianti su Roma e dall’altro eviterebbe il ricadere degli oneri e delle problematiche amministrative sul Comune di Roma. I comuni del Lazio, ad iniziare dalle città capoluogo, fornirebbero l’eventuale supporto istituzionale, considerando il fatto che altri impianti sarebbero realizzati anche all’esterno della Capitale, con evidenti riflessi positivi sotto il profilo economico e sociale».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni