Atuttapagina.it

Una delegazione di studenti di Veroli presente alla cerimonia d’inaugurazione dell’anno scolastico a Sondrio

Sarà presente anche una delegazione dell’Istituto Comprensivo Veroli 1 all’iniziativa “Tutti a Scuola”, cerimonia nazionale per l’apertura del nuovo anno scolastico 2016-2017 che si terrà a Sondrio lunedì 19 settembre presso il Campus scolastico della città lombarda. L’evento, promosso dal Ministero dell’Istruzione, sarà celebrato alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del ministro Stefania Giannini e delle massime autorità dello Stato e trasmesso in diretta da Rai 1 a partire dalle 11.
L’Istituto Comprensivo di Veroli 1 sarà l’unica scuola in rappresentanza dell’intera provincia di Frosinone in una giornata celebrativa nazionale a cui parteciperanno circa 1.800 studenti provenienti da tutta Italia, selezionate dagli Uffici Scolastici Regionali tra le scuole che si sono particolarmente distinte per il proprio operato.
«Soddisfazione ed orgoglio per tutto il nostro Istituto questo prestigioso e lusinghiero invito – afferma il dirigente scolastico Salvatore Cuccurullo -. Sarà un ulteriore stimolo a migliorare ancora di più la nostra attività didattica con l’obiettivo di valorizzare al massimo le capacità degli studenti per consentire a tutti loro di acquisire quel bagaglio di conoscenze necessarie e fondamentali al termine del ciclo della scuola dell’obbligo».
In rappresentanza dell’Istituto Comprensivo di Veroli 1 saranno presenti a Sondrio, oltre al dirigente scolastico, il professor Luciano Carinci e tre alunni della scuola media Mazzini: Giulia Ferrante, Francesco Iannarilli e Giovanni Negri.
«Siamo particolarmente lieti ed orgogliosi – commenta il sindaco Simone Cretaro – che un Istituto scolastico della nostra città sia stato invitato a tale prestigioso appuntamento nazionale. E’ un riconoscimento alla qualità  della dirigenza e della docenza, che come amministrazione ringraziamo per il quotidiano impegno per la crescita culturale e sociale delle nostre giovani generazioni. Un’occasione, infine, per i nostri studenti partecipanti all’iniziativa in rappresentanza dei tanti loro coetanei, di acquisire esperienze e trasmetterle nella nostra scuola per valorizzare ulteriormente le indubbie capacità intellettuali di tutti gli studenti».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni