Atuttapagina.it

Frosinone, la “Pryyma” volta in trasferta: a Cittadella il Leone torna a ruggire

Che gran bel Frosinone quello che esce vittorioso dal campo del Cittadella. Il Leone vince per 2-3 e fornisce quelle risposte richieste da Marino: i giallazzurri questa sera hanno messo in campo “cattiveria”, determinazione e anche un gioco migliore rispetto alle ultime partite. Il successo sul campo della capolista darà morale per il prosieguo della stagione.
A centrocampo nel Frosinone c’è la sorpresa Soddimo, confermato dopo l’opaca prova e i fischi nella partita contro il Perugia: Frara, dunque, è in panchina. Sulla fascia sinistra Mazzotta è preferito a Crivello. Parte bene il Frosinone, che dopo un paio di minuti si rende pericoloso con Pryyma: su calcio di punizione di Soddimo l’ucraino calcia alto da comoda posizione. La squadra di Marino sembra aver avuto l’approccio giusto: è soprattutto sulle fasce che il Leone sembra poter affondare con una certa continuità. Ma della capolista Cittadella non c’è da fidarsi e all’8′ solo il provvidenziale intervento di Bardi su colpo di testa ravvicinato di Scaglia evita lo svantaggio del Frosinone. Il Cittadella sembra crescere e al 12′ un violento tiro di Pedrelli sfiora la traversa giallazzurra. Ma gli uomini di Marino sono in partita e al 16′ su punizione Soddimo impegna severamente Alfonso. E’ il preludio al gol, che arriva un minuto dopo, al 17′. Su calcio d’angolo svetta Ariaudo, che devia verso il secondo palo dove è appostato Pryyma: il centrale ucraino questa volta non sbaglia mira e realizza il gol dello 0-1, che è anche la sua prima rete in giallazzurro. Il Frosinone cerca di contenere la reazione del Cittadella, ma la capolista non sembra aver subito il contraccolpo psicologico. Arrighini al 29′, da posizione defilata, calcia alto sulla traversa. E al 32′ arriva la rete dell’1-1. Iori serve Litteri che dalla destra anticipa l’uscita di Bardi e mette al centro per Chiaretti: con il portiere giallazzurro ormai “tagliato” fuori, il giocatore del Cittadella può semplicemente spingere il pallone in rete. Il Frosinone non resta a guardare e dopo pochi minuti torna nuovamente in vantaggio. Siamo al 37′ quando Paganini, lanciato a rete, calcia violentemente verso la porta granata: Alfonso respinge ma il pallone torna verso l’esterno giallazzurro che non sbaglia il tap-in. E’ il gol dell’1-2 per il Leone. Davvero bella partita quella tra Cittadella e Frosinone e gran parte del merito è proprio della squadra di Marino: questa volta l’allenatore sembra stia ottenendo le risposte che voleva dalla sua squadra. Nella parte finale del primo tempo la formazione di Venturato non riesce ad organizzare una reazione concreta e i primi 45 minuti terminano con il Frosinone meritatamente in vantaggio per 1-2.
Il secondo tempo inizia senza cambi. E com’era successo nella prima frazione, anche in questi secondi 45 minuti il Frosinone parte fortissimo. Questa volta, però, riesce a fare ancora meglio, realizzando la rete dell’1-3. E’ Daniel Ciofani al 2′ ad aumentare il vantaggio del Leone con un gol in spaccata: il bomber giallazzurro torna così alla marcatura. Ma il Frosinone non deve cullarsi sul doppio vantaggio, visto che al 4′ un super Bardi “vola” verso l’incrocio dei pali e devia un violentissimo e preciso tiro di Valzania che sarebbe terminato nell’angolo. Il Cittadella adesso è sbilanciato in avanti, il Frosinone può far male in contropiede. Al 10′ su una ripartenza Paganini ha sul destro il pallone per il quarto gol: a tu per tu con Alfonso questa volta l’esterno giallazzurro si lascia respingere il tiro. Clamorosa la palla gol non concretizzata dalla squadra di Marino. Poi ci prova ancora Valzania, ma Mazzotta è bravo ad opporsi. Partita bellissima, proprio come il primo tempo. Al 15′ i padroni di casa riescono ad accorciare le distanze. Su calcio piazzato Pedrelli mette al centro dell’area giallazzurra per la testa di Litteri: l’incornata dell’attaccante granata è vincente e il risultato passa sul 2-3. Poi viene ammonito Zappino dalla panchina per proteste: la scena è grottesca, con il direttore di gara La Penna che chiede al portiere di mostrare il numero della maglia sotto il giubbotto. Il Citta adesso ci crede, il Frosinone arretra pericolosamente il proprio raggio d’azione. E Marino corre ai ripari inserendo Frara per Sammarco. E’ una partita aperta a qualsiasi situazione in questo momento: il Cittadella potrebbe addirittura pareggiare, come il Frosinone potrebbe segnare il quarto gol. Al 33′ il colpo di testa di Scaglia termina alto sulla traversa. Un minuto più tardi, al 34′, su assist di Dionisi, Paganini gira al volo ma spedisce alto. Gli ultimi minuti sono confusi e al 49′ Bardi salva miracolosamente il risultato con un intervento prodigioso sulla punizione di Paolucci. Il risultato, però, fortunatamente non cambia. Il Leone torna alla vittoria e ottiene il primo successo stagionale fuori casa. La squadra di Marino con questo rocambolesco 2-3 ritrova fiducia e anche l’affetto dei propri tifosi. E pure il gioco ha visto degli enormi miglioramenti. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni