Atuttapagina.it

Il campo in erba del Matusa, un’eccellenza calcistica che molte società invidiano al Frosinone

Come ad ogni inizio di stagione, anche in questo campionato sono servite alcune settimane per veder “rifiorire” il campo del Matusa. Al rettangolo di gioco dello stadio del Frosinone occorre un periodo di tempo che va da un mese e mezzo a due mesi: dopo di allora diventa un vero e proprio tavolo da biliardo e così è successo anche questa volta. Con la giusta durezza, senza imperfezioni nel terreno, regolare in ogni ciuffo d’erba: il campo da gioco del Matusa non è solo al top per quanto riguarda la Serie B, ma anche in Serie A molti campi devono essere invidiosi del manto erboso dell’impianto di Frosinone.
Il merito è principalmente di Maurizio Di Carlo, agronomo di Cassino che si occuperà anche del campo del futuro stadio Casaleno. Grazie alla sua cura il rettangolo verde del Matusa rappresenta un’eccellenza calcistica in tutta Italia. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni