Atuttapagina.it

Il Frosinone segna, soffre e segna ancora: anche il Cesena è preda del Leone

Una vittoria con una certa sofferenza, ma questo è solo un dettaglio quando si mettono le mani su altri 3 punti. Il Frosinone batte anche il Cesena (2-1 il punteggio finale) e conquista la quarta vittoria nelle ultime cinque partite. Il Leone si avvicina un po’ di più alle primissime posizioni della classifica: adesso i giallazzurri occupano il quarto posto, ma sempre a un solo punto di distacco dalla seconda piazza.
Tornano i titolari dopo il turnover contro la Spal, con due sole eccezioni: in difesa Ariaudo viene fatto riposare dopo un intenso inizio di stagione e al suo posto c’è Pryyma; a centrocampo Marino ripropone la coppia formata da Frara e Sammarco, con Gori ancora in panchina. Guai a sottovalutare questo Cesena, che dopo una manciata di minuti confeziona la prima palla gol: è Djuric a scaldare i guanti di Bardi con un secco tiro di sinistro che costringe il portiere giallazzurro alla respinta in angolo. Il Frosinone, però, non si lascia intimorire e allora ci pensa Soddimo a far capire che il Leone c’è. Slalom tra i difensori del Cesena e conclusione sul primo palo: Agazzi si salva come può e il pallone termina la sua corsa sulla rete esterna della porta bianconera. E’ solo il preludio al gol giallazzurro, che arriva al 19′. Dionisi inventa e Paganini finalizza: Chico serve un delizioso assist per la testa di Luca, che come successo martedì sera contro la Spal mette il suo timbro sul match. E’ la rete dell’1-0 e il Matusa si scalda. La partita scorre via senza emozioni fino quasi alla fine del primo tempo, quando Djuric impegna ancora Bardi. Il centravanti del Cesena trova un corridoio sulla destra e ci si butta: arrivato a pochi metri dalla porta avversaria, lascia partire un violento diagonale che impegna il portiere a un nuovo intervento con i pugni. E al 45′ altro brivido per il Frosinone: Djuric spaventa ancora il Leone con un pallonetto che scavalca Bardi ma che trova prontissimo Matteo Ciofani a “spazzare” di testa sulla linea. Finisce qui un primo tempo che ha visto il Frosinone, dopo il vantaggio, adagiarsi troppo. Nella ripresa servirà assolutamente il gol del raddoppio per non compromettere una partita alla portata della squadra di Marino.
E purtroppo ciò che si temeva accade all’8 del secondo tempo: Djuric calcia ancora in porta, Bardi respinge come può e sulla ribattuta arriva Ciano che firma la rete dell’1-1. Pari meritato per il Cesena: i giallazzurri si sono cullati sulla rete del vantaggio e hanno smesso di fare gioco. Nel frattempo Marino aveva effettuato il primo cambio: Gori adesso è in campo al posto di Frara. Il Frosinone prova ad organizzare una manovra efficace che consenta di tornare in vantaggio, ma adesso il Cesena sembra aver trovato entusiasmo. Ci prova Dionisi al 22′ con una conclusione secca, Agazzi si fa trovare pronto e blocca il pallone. Poi Marino manda in campo Crivello al posto di Mazzotta. E nel momento di maggiore difficoltà del Frosinone arriva la rete del 2-1. Il tiro da venti metri di Dionisi si stampa sulla traversa, il pallone arriva dalle parti di Daniel Ciofani che appoggia in fondo al sacco con Agazzi a terra nel tentativo di deviare la precedente conclusione. Siamo al 26′ e a segno sono andati gli stessi marcatori della partita di martedì sera contro la Spal. Il Frosinone sembra rigenerato e al 31′ Agazzi salva la sua porta respingendo una potente conclusione di Dionisi. Poi tocca a Kragl entrare al posto di Soddimo. Il Frosinone vede farsi sempre più concreta la possibilità di ottenere altri tre punti e quando il Cesena resta in 10 per l’espulsione di Vitale il traguardo appare vicinissimo. Traguardo che viene tagliato dopo 4 minuti di recupero. Il Frosinone batte la Spal per 2-1: nelle ultime 5 partite sono stati conquistati 13 punti. Il sogno giallazzurro prosegue.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni