Atuttapagina.it

Il Leone è ancora vivo, bentornato Frosinone

Se il Frosinone sia uscito definitivamente dalla crisi d’identità vissuta in questo inizio di stagione lo sapremo domenica prossima contro il Bari. Diciamo, però, che ieri a Cittadella si è rivista una squadra molto simile a quella che ha fatto innamorare negli ultimi tre anni i propri tifosi.
Certo, come non bisognava deprimersi prima, allo stesso modo non bisogna esaltarsi adesso. Le insidie sono ancora tante e pure le cose da mettere a punto per tornare a vedere un Frosinone perfetto o quasi. Però i progressi visti a Cittadella sono incoraggianti. «Abbiamo capito che senza “cattiveria”, concentrazione e determinazione non si va da nessuna parte», aveva detto Pasquale Marino alla vigilia. E questa volta almeno due di questi tre fattori sono stati messi in campo. Manca ancora la concentrazione per tutti i novanta minuti, ma per un Frosinone “malato” per adesso va più che bene così. L’impressione, come scritto qualche settimana fa, è che questo gruppo abbia ancora tanto da poter dare: le potenzialità continuano ad essere enormi. Se il Leone dovesse ritrovare definitivamente la strada giusta, allora ci sarà da divertirsi. Per adesso ci si goda il meritato successo sul campo della capolista, che non è affatto poco. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni