Atuttapagina.it

Il Leone ruggisce troppo tardi, 20 minuti da Frosinone dopo i primi 70 sotto tono: a Vicenza è 1-1

Il Frosinone fa… il Frosinone troppo tardi. Dopo un primo tempo sonnolento e una prima parte di ripresa giocata ugualmente a ritmi bassi, la squadra di Marino inizia a macinare calcio e a mettere in campo la necessaria carica agonistica solo dopo essere passata in svantaggio. Il forcing degli ultimi 20 minuti produce il risultato di 1-1, che lascia un po’ d’amaro in bocca considerate le due precedenti prestazioni contro il Cittadella e, soprattutto, il Bari.
Alla fine Gori ce la fa: Mirko ha del tutto recuperato dall’infortunio che lo ha condizionato a inizio settimana e Marino lo impiega da titolare. La formazione del Frosinone, dunque, è la stessa delle vittoriose partite contro Cittadella e Bari. Partita “sonnolenta” nei primi minuti: tra Vicenza e Frosinone sembra prevalere la volontà di attendere le mosse dell’avversario. Nessuna conclusione, né da una parte né dall’altra, nei primi venti minuti. La squadra di Marino cerca di mantenere il possesso del pallone e, superata la metà della prima frazione, sembra voler avanzare il proprio raggio d’azione. Al 29′ ci prova Matteo Ciofani dalla distanza: il tiro è carico di potenza, ma impreciso per impensierire Benussi. Ma due minuti dopo è del Vicenza la prima vera palla gol della partita. Al centro dell’area del Frosinone arriva un pallone che viene deviato di testa da Adejo: la conclusione termina di un soffio fuori, dando l’impressione del gol. Questa clamorosa occasione sembra dare coraggio ai biancorossi, che adesso costringono al ripiegamento il Frosinone. Che inizia a collezionare una serie preoccupante di cartellini gialli per gioco scorretto. Al 40′ sono già 4 gli ammoniti del Frosinone: Soddimo, Gori, Paganini e Matteo Ciofani. I giocatori giallazzurri dovranno limitare la propria irruenza per non correre il pericolo di rimanere in 10 nel secondo tempo. La partita scivola via senza altre azioni da segnalare fino all’intervallo. Al riposo si va sul risultato di 0-0: partita poco spettacolare, ma il Frosinone può ritenersi fortunato per non essere andato in svantaggio su quel colpo di testa di Adejo. Sotto il profilo dell’intensità e del gioco in questi primi 45 minuti è stato fatto un passo indietro rispetto alla gara contro il Bari.
Anche il secondo tempo inizia a ritmi bassissimi: partita oggettivamente brutta fino a questo momento. Il Frosinone dovrà fare di meglio se vorrà provare a vincere la sfida. Primo cambio per Marino, che richiama Sammarco e manda in campo Kragl. E proprio il tedesco ci prova con un sinistro dalla distanza che termina abbondantemente a lato. Al 15′ il Vicenza trova il gol. Pucino trova inaspettatamente un corridoio centrale nel quale ci si butta palla al piede: a tu per tu con Bardi il difensore biancorosso calcia a rete per il gol dell’1-0. Altri due cartellini gialli per il Frosinone: ai quattro del primo tempo si aggiungono Kragl e Dionisi. Nel momento più difficile per il Leone, però, arriva la fiammata che riporta il risultato in parità. Siamo al 26′ e l’azione porta la firma dei fratelli Ciofani: dalla destra Matteo crossa e al centro dell’area Daniel stacca imperiosamente e batte Benussi. E’ la rete dell’1-1, quasi casuale a dire il vero dopo 70 minuti giocati a ritmi troppo bassi dal Frosinone. Bene così, comunque. Tutti da seguire gli ultimi 15 minuti, con la squadra di Marino che potrebbe accelerare la propria azione alla ricerca del sorpasso. Secondo cambio per il tecnico giallazzurro: è Frara a prendere il posto di uno stanco Gori. Il Frosinone adesso è costantemente proiettato nella metà campo del Vicenza. A 7 dal termine è Kragl a sfiorare il secondo gol giallazzurro: su cross di Frara il colpo di testa del tedesco manda il pallone fuori di pochissimo. Preme ancora la squadra di Marino. Ci prova ancora Daniel, sulla cui conclusione c’è la deviazione in angolo di Benussi. Il Leone aumenta i ritmi e gioca regolarmente a ridosso dell’area di rigore del Vicenza, ma il risultato non cambia. Al “Menti” finisce 1-1 e per il Frosinone c’è il rimpianto di essersi svegliato solo dopo un’ora.

Foto pubblicata sulla pagina Facebook Frosinone Calcio 1928

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni