Atuttapagina.it

Continuità e progettualità nel Frosinone, 5 anni fa l’ultimo cambio in corsa dell’allenatore

Sono già sei le squadre della Serie B che hanno cambiato allenatore nel corso della stagione. Ha iniziato il Vicenza, poi è stata la volta del Cesena, quindi è toccato al Bari e infine hanno scelto un altro tecnico anche l’Avellino, la Salernitana e il Trapani. Del resto, l’abitudine di esonerare o portare alle dimissioni l’allenatore è una pratica molto comune nel nostro calcio.
Ma non a Frosinone. Durante la presidenza Stirpe sono stati solo 4 i cambi in panchina a stagione in corso in più di 13 anni. E l’ultimo di questi risale a cinque anni fa – era il 28 novembre 2011 – quando Carlo Sabatini si dimise per lasciare il posto ad Eugenio Corini. Quella giallazzurra è una storia fatta di due concetti principali: continuità e progettualità. Al suo allenatore Stirpe lascia sempre il tempo di lavorare e solo quando la situazione risulta irreparabile interviene personalmente. Nel corso degli anni tanti tecnici del Frosinone hanno vissuto periodi durante i quali i risultati sono mancati, ma la società non si è fatta trascinare dagli umori esterni e ha tenuto fede alla propria filosofia. E se oggi il Leone guarda con ambizione al presente ma anche e soprattutto al futuro, è proprio per merito di questa politica. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni