Atuttapagina.it

Firmato accordo Regione-sindacati per proroga di 12 mesi degli ammortizzatori sociali nell’Area di crisi

È arrivata finalmente la firma dell’intesa: Cgil, Cisl, Uil e la Regione Lazio concordano le modalità operative per prorogare di 12 mesi gli ammortizzatori sociali nell’Area di Crisi Industriale Complessa individuata dal Governo nei mesi scorsi.
Cosa prevede l’intesa?
Il lavoratore che intende beneficiare dell’indennità di mobilità in deroga dovrà recarsi presso l’organizzazione sindacale per l’attivazione della relativa procedura, dichiarando di essere residente in uno dei comuni rientranti nell’Area di Crisi Industriale Complessa e di aver terminato nel 2016, ovvero entro il 31 gennaio 2017, i benefici della mobilità ordinaria, Aspi e Mini Aspi Naspi, e di essere disponibile ad accettare la politica attiva che potrà essere offerta durante il periodo di fruizione della mobilità in deroga, pena la decadenza della stessa.
L’organizzazione sindacale raccoglie l’istanza del lavoratore nel rispetto dell’ordine cronologico di arrivo.
L’organizzazione sindacale chiederà l’incontro alla Regione Lazio per la sottoscrizione dell’Accordo entro e non oltre il 16 dicembre 2016.
La Regione Lazio convocherà l’organizzazione sindacale ed autorizzerà la domanda entro il 31 dicembre 2016.
A quel punto la Regione Lazio invierà gli elenchi all’Inps per i pagamenti.
«Questo è il primo passo – commentano Cgil, Cisl e Uil attraverso i segretari generali Briganti, Coppotelli e Stamegna -. Ora la fase 2, ovvero gli investimenti nell’Area di Crisi e, soprattutto, le politiche attive in grado di riqualificare adeguatamente i lavoratori per rispondere alle esigenze del mercato e dell’economia».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni