Atuttapagina.it

La pittura e la musica protagoniste del 54° Convivium

Sabato 17 dicembre alle 19:30 gli amici di Convivium si incontreranno per il loro cinquantaquattresimo appuntamento nella location dell’Hotel Fiuggi Terme. Questa volta due ospiti d’eccezione raggiungeranno i “convivianti” da Torino. Il tema della serata “Pittura e musica in risonanza psicoanalitica e matematico-geometrica” la dice lunga sull’eclettismo dei due relatori: la dottoressa Gariglio e l’ingegnere e Maestro Strona.
La dottoressa Gariglio è una psicoanalista di fama formatasi alla scuola di Micropsicoanalisi di Peluffo. Scrittrice, pittrice, cultrice di inesauribili interessi, porterà in questo Convivium la storia dei suoi lavori pittorici, opere piene di pulsionalità che hanno nel cromatismo la propria forza espressiva. Autrice di innumerevoli libri e pubblicazioni scientifiche, si è distinta per una teorizzazione originale sulla creatività umana intesa come tentativo di resilienza e ricomposizione dei conflitti dell’essere umano. Membro didatta della Società Internazionale di Micropsicoanalisi, psicologa psicoterapeuta iscritta all’Albo, esercita a Torino. Ha integrato la sua multiforme formazione analitico-psicoterapeutica nello studio sulla Creatività come benessere psicobiologico ed è autrice stabile della rivista online “Psicoanalisi e Scienza”, diretta da Quirino Zangrilli, della rivista Anamorphosis, a cura di Wilma Scategni e Stefano Cavalitto, Ananke e del Bollettino dell’Istituto Italiano di Micropsicoanalisi, a cura di Luigi Baldari, Alpes.
Pier Paolo Strona ha sentito fin dai primi anni stimoli e interessi verso tre campi apparentemente lontani e diversi tra loro – la musica, la fotografia e l’ingegneria – ed è riuscito a coltivarli e a dedicarvisi a livello professionale con continuità, integrandoli in una visione unitaria. Gli studi musicali iniziati a 5 anni lo hanno portato, allievo del Maestro Maffiotti, al diploma in pianoforte all’Accademia Filarmonica di Bologna nel 1962, anno in cui si è iscritto al Politecnico di Torino, laureandosi in Ingegneria civile e specializzandosi in strutture metalliche nel 1968. La fotografia invece, a partire dal 1956, lo ha sempre accompagnato nelle sue attività: alpinismo, vela, viaggi, amore per la natura e anche ingegneria, con servizi fotografici nei cantieri. L’interesse per la scienza si è concretizzato in attività di ricerca nel campo dei metodi numerici per l’analisi strutturale, in particolare il Metodo degli Elementi Finiti (FEM). La fotografia è stata intesa essenzialmente come “arte figurativa”, realizzazione di immagini nate guardandosi intorno, affinando la propria sensibilità a vedere cose che spesso sfuggono ai più, comunicazione di conoscenza, bellezza ed emozioni. Anche la musica è stata coltivata con lo stesso spirito di ricerca, esplorando la letteratura europea e occidentale classica e contemporanea, allargando l’interesse alle musiche americane, asiatiche e africane. Più recentemente si è accostato all’organo e allo studio della letteratura organistica, particolarmente della musica italiana dal XVI al XVIII secolo. Negli ultimi anni ha suonato in Italia e all’estero per associazioni culturali, enti pubblici, Istituti universitari e ha prodotto alcuni cd.
La serata del Convivium è stata organizzata in due parti: una carrellata di pitture di Daniela Gariglio, effettuate nella vita e nella professione, e una seconda parte in cui alcuni dipinti verranno presentati da Gariglio come spunto di riflessione clinico-psicoanalitica. La visione delle pitture che scorrono sullo schermo sarà accompagnata dal pianista Pier Paolo Strona con musiche scelte dallo stesso che, indicandone i criteri, ne dice, rimandando al suo tema di ricerca: «I criteri di scelta delle composizioni musicali, associate ai singoli dipinti, sono stati quelli del contenuto emotivo, dell’atmosfera creata e delle rispettive strutture geometriche compositive delle opere». In questo modo viene posto l’accento sull’universalità dell’arte e del linguaggio, comune a musica e arte figurativa.
A fare gli onori di casa, come sempre, i fondatori di Convivium Annarita Alviani e Quirino Zangrilli assieme al prestigioso team organizzativo: Sisto Ceci, Alberto Scerrati e Luca Zangrilli. Il logo dell’evento è realizzato dal grafico Luca Zangrilli.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni