Atuttapagina.it

La Cisl tra storia e futuro, presentazione del libro edito dalla Cisl di Frosinone

Si terrà il prossimo 11 gennaio, presso il Salone di rappresentanza dell’amministrazione provinciale di Frosinone, la presentazione del libro “La Cisl tra Storia e Futuro”. Questo scritto, il cui autore è Mario Cerroni, è un ulteriore tassello al mosaico della storia della Cisl in provincia di Frosinone. Le dinamiche sindacali, nazionali e locali vengono illustrate ed inserite dentro le complessità storiche e sociali che hanno caratterizzato il percorso della Cisl. Nel libro vengono ricontestualizzati gli accadimenti, ma soprattutto si comprende come la Cisl della provincia di Frosinone abbia saputo cogliere i mutamenti della società, pur mantenendo sempre fede ai suoi principi di autonomia, solidarietà, uguaglianza, sussidiarietà ed alla contrattazione.
Un sindacato la cui missione è continuare ad essere sempre strumento quotidiano di emancipazione e di giustizia per i lavoratori, per i pensionati, per i giovani, per gli immigrati e per la società.
Il libro, nella sua sintesi, percorre principalmente le diverse tappe del movimento sindacale cattolico, dentro il quale si è venuto a formare la Cisl, che pur condividendo i valori e le sensibilità proprie del mondo cattolico ha sempre sostenuto con forza e determinazione, sin dalle origini, la via dell’autonomia da ogni forma di condizionamento.
«L’autonomia, infatti, è sempre stata la stella polare dell’azione della Cisl – dichiara Enrico Coppotelli, segretario generale della Cisl di Frosinone -. Ad ogni livello di responsabilità e di territorio, ha dovuto molto faticare per liberarsi da ogni fardello, ideologico e culturale oltre che politico, che potesse appesantire il profondo senso di libertà, necessario per fare scelte coraggiose a vantaggio della crescita dei lavoratori e più in generale dell’Italia».
«”La Cisl tra Storia e Futuro” può essere anche occasione per una riflessione sul nostro passato ed il nostro presente – conclude Coppotelli -, avendo davanti a noi l’orizzonte di un futuro che, pur presentandosi oggi abbastanza problematico, deve essere, al contrario, il punto di incontro di un rinnovato impegno corale per offrire alle nuove e vecchie generazioni il luogo della giustizia, del lavoro e della serenità sociale. Tutto dipende anche da noi, nel nostro piccolo, attivando tutte le energie morali e culturali necessarie per mettere in campo, pur tra le difficoltà del momento, come fecero i padri fondatori della Cisl, la passione, il senso vero e concreto dell’appartenenza e della condivisione, capaci di accogliere, dentro una Cisl che unisce, sensibilità e culture diverse».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni