Atuttapagina.it

Ad Ariccia un nuovo ospedale all’avanguardia, in Ciociaria carenza di strutture e posti letto: nel Lazio una sanità di serie A e una di serie B

«Grandi più del modello standard, luminose, con gigantografie di rami di pesco e girasoli sulla parete e multifunzionali: le sale operatorie del Nuovo Ospedale dei Castelli Romani sono state realizzate sul modello di quelle del Nord Europa». Viene presentata così, sulle pagine de Il Messaggero, la nuova struttura ospedaliera che verrà inaugurata ad Ariccia a gennaio 2018. Il nuovo ospedale sarà dotato di 344 posti letto, di cui 286 per la degenza ordinaria e 58 per il day hospital. Nell’ospedale ci saranno reparti di eccellenza quali emodinamica e neurochirurgia e la hall sarà imponente: sembra quasi una sala d’attesa di un moderno aeroporto internazionale.
Ben vengano nuovi ospedali per i cittadini: del resto su questo tema nessuno vuole “dichiarare guerra” a danno di altre zone della regione. Però è evidente come la sanità pubblica sia del tutto trascurata nelle altre province, in primis Frosinone. Nel nostro territorio – con un’utenza di quasi mezzo milione di persone – sono rimasti in funzione 4 ospedali (Frosinone, Cassino, Alatri e Sora) e alcuni reparti sono al collasso. Il caso del pronto soccorso del capoluogo, poi, è emblematico: la situazione è quotidianamente critica e i pazienti sono costretti a sopportare ore di attesa prima di essere visitati. La realtà è che nel Lazio esiste una sanità di Serie A e una di Serie B: indovinate a quale categoria appartiene quella ciociara? (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni