Atuttapagina.it

Eletto il nuovo segretario Cisl di Frosinone del comparto scuola, è Carlo Ferrazzoli

È il professor Carlo Ferrazzoli il nuovo segretario della Cisl Scuola di Frosinone. Eletto al termine del sesto Congresso territoriale tenutosi a Ferentino nei giorni scorsi, Ferrazzoli subentra a Michele Sorge che durante il suo mandato ha lavorato in maniera efficace ed efficiente, lasciando in eredità una realtà sindacale corposa e dinamica, con un numero di iscritti tale da rendere la Cisl di Frosinone il primo sindacato provinciale nel comparto scuola. Carlo Ferrazzoli è docente di Economia Aziendale nella scuola secondaria di secondo grado e da anni svolge con passione e costanza l’attività sindacale.
Ferrazzoli, per lei che svolge da un decennio l’attività sindacale, cosa significa diventare il segretario del sindacato più rappresentativo nel comparto scuola della provincia di Frosinone?
«Mi permetta di ringraziare in primis i colleghi che operano nella Cisl scuola di Frosinone e nelle varie istituzioni scolastiche. È attraverso il loro prezioso contributo se questa organizzazione sindacale è diventata una realtà importante della nostra provincia e ha permesso al sottoscritto di ottenere un simile riconoscimento. Fatta questa doverosa premessa, devo dire che se da un lato l’elezione a segretario generale mi farà assumere nuove responsabilità, dall’altro non modificherà il mio modus operandi nel “fare sindacato”, che non è legato soltanto al valore della singola persona ma soprattutto al lavoro condiviso con tanti professionisti del mondo della scuola. Condivido in pieno il  motto della Cisl scuola, “In prima persona al plurale”».
Essere segretario di un’organizzazione leader nel comparto scuola che sfida comporta?
«I risultati che la Cisl scuola di Frosinone ha raggiunto in questi anni, anche  in termini di rappresentatività e di iscritti, sono lusinghieri ed in continua crescita, nonostante una politica poco attenta al ruolo del sindacato. Il nostro sindacato, in presenza di una riforma della scuola nefasta, ha sempre rivendicato il ruolo di rappresentanza, cercando di evitare conflitti, dialogando con i dirigenti scolastici, anche loro vittime di questi provvedimenti, e con le istituzioni locali. Perseguire la ricerca di soluzioni condivise, anche se è stata e resta la strada più faticosa, ha portato buoni risultati alla categoria. Pertanto continuerò seguendo questo percorso, che poi è nel dna della Cisl, attraverso la ricerca del dialogo e delle soluzioni. Stiamo chiedendo con forza ai nostri rappresentanti nazionali, a nome dei lavoratori della provincia di Frosinone, il rinnovo di un contratto fermo al 2009. Abbiamo aspettato troppo».
Quali sono i maggiori problemi del comparto scuola e come pensa di affrontarli?
«I problemi della scuola italiana sono atavici e li definirei strutturali. Mi riferisco alla sicurezza degli edifici, al precariato dei lavoratori, alla mancanza di attrezzature adeguate. La riforma della scuola voluta fortemente dal governo Renzi, con tempi rapidi di applicazione e con un investimento di 3 miliardi di euro, non ha portato i miglioramenti sperati generando nel contempo un mare di dissenso. A mio parere bastava meno presunzione e più dialogo con i lavoratori della scuola e con chi li rappresenta per evitare gli effetti disastrosi che si sono avuti. La nostra provincia non è stata esente dagli effetti della riforma che hanno determinato un inizio di anno scolastico disastroso, con caos nei trasferimenti, docenti non in organico nelle scuole a settembre, divisione tra i lavoratori per l’introduzione di un meccanismo premiale con criteri lasciati all’autonomia delle scuole. In tutto questo caos abbiamo operato e continueremo ad affrontare i problemi  con pazienza e buonsenso, cercando il confronto e non lo scontro».
Del resto lo slogan “Fare comunità, generare valori” sarà il cavallo di battaglia di Ferrazzoli pronto a “pedalare” con entusiasmo e determinazione. (Gianni Coratti)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni