Atuttapagina.it

Un grossolano errore su Cojocaru e Paganini, al Frosinone serve una società all’altezza di Stirpe

Uno scivolone su Cojocaru e, di conseguenza, su Paganini. È quello fatto dal Frosinone al momento della presentazione della lista degli over 21 formata dai giocatori utilizzabili in campionato dopo la chiusura del mercato di gennaio.
Andiamo con ordine. Il Frosinone aveva cercato a tutti i costi di tesserare un portiere over 21 da “inquadrare” come vice di Bardi o di Zappino a seconda della disponibilità del primo. Senza entrare in discorsi troppo tecnici, con un portiere under 21 in rosa il Frosinone avrebbe recuperato una casella tra gli over da riempire con il nome di Paganini. Fu il presidente Maurizio Stirpe ad esporsi nel corso della sua ultima conferenza stampa del 20 gennaio. «Gli verrà riservato il posto nella lista degli over, nessun “taglio” per il nome di Paganini», disse il presidente a proposito di Luca. E così il Frosinone ha ingaggiato quello che credeva – credevamo – fosse un portiere under 21: Cojocaru. Adesso, però, la società ha scoperto che «per Paganini non è stato possibile l’inserimento nella lista a causa di un errore di interpretazione compiuto nel tesseramento del calciatore Cojocaru che ha determinato la necessità di inserimento dello stesso nella lista A e non in quella inizialmente prevista», aggiungendo che «in funzione dei tempi di recupero di Paganini la società si riserva la facoltà di apportare modifiche alla lista depositata, studiandone tempi e modalità opportune». Quest’ultima parte significa che in futuro potrebbe esserci il “taglio” di uno dei giocatori in lista, rescindendone il contratto. Fu fatto, nel 2011, con Nicholas Guidi per il reintegro di Vincenzo Santoruvo.
Questa leggerezza, va sottolineato, denota una scarsa conoscenza del regolamento e per una società che punta alla promozione in Serie A si tratta di un passaggio a vuoto clamoroso. Ai sacrifici e all’impegno di Stirpe devono corrispondere competenza e professionalità da parte di tutti: alcuni settori della società – il marketing, il merchandising e la comunicazione – devono ancora fare quel salto di qualità ormai non più rinviabile considerate le capacità e le ambizioni del presidente. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni