Atuttapagina.it

A Frosinone il Festival della prevenzione e innovazione in oncologia, gli esperti incontrano i cittadini

La lotta ai tumori scende in piazza a Frosinone. La settima tappa del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” si svolgerà proprio nel capoluogo ciociaro. Un motorhome, cioè un pullman, sarà allestito per tre giorni, dal 24 al 26 marzo, alla Villa Comunale, dove gli oncologi dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) forniranno consigli e informazioni sulla prevenzione, sull’innovazione terapeutica e sui progressi nella ricerca in campo oncologico. Non solo. Il 24 e 25 marzo sono previste lezioni in 9 scuole della provincia di Frosinone e domenica mattina si svolgerà la “Passeggiata della salute” (con partenza alle 10 dalla Villa Comunale): 10.000 passi godendo delle bellezze architettoniche della città. L’obiettivo è portare ai cittadini un messaggio fondamentale: il cancro non va più considerato un male incurabile e contro questa malattia si deve giocare d’anticipo.
«Lanciamo, sul modello dei festival della letteratura, il primo “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” per spiegare agli italiani il nuovo corso dell’oncologia, che spazia dai corretti stili di vita agli screening, alle armi innovative come l’immuno-oncologia e le terapie a bersaglio molecolare, fino alla riabilitazione, al reinserimento nel mondo del lavoro e al ritorno alla vita – spiega il professor Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM -. Grazie alla diagnosi precoce e alle nuove armi, il 60% dei pazienti sconfigge la malattia, percentuale che raggiunge il 70% nelle neoplasie più frequenti».
La manifestazione itinerante, resa possibile grazie al sostegno di Bristol-Myers Squibb, tocca 16 città con eventi che dureranno tre giorni. In Italia nel 2016 sono stati stimati 365.800 nuovi casi di tumore (189.600 negli uomini e 176.200 nelle donne), nel Lazio 33.300 (16.400 uomini e 16.900 donne).
«Resta ancora molto da fare sul piano della prevenzione – continua la dottoressa Teresa Gamucci, direttore di Oncologia all’ospedale di Sora -, se pensiamo che l’Italia destina solo il 4,2% della spesa sanitaria totale a queste attività, collocandosi negli ultimi posti per investimenti in prevenzione fra i 34 Paesi che fanno parte dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD)».
Gli oncologi medici saranno presenti nel motorhome venerdì 24 e sabato 25 marzo dalle 14 alle 18 e domenica 26 marzo dalle 10 alle 14. Venerdì 24 marzo (dalle 15 alle 18) interverranno come testimonial del progetto i giocatori di pallavolo della Biosì Indexa Sora e della squadra di Basket Ferentino. Sabato 25 marzo dalle 15 alle 17 interverranno società e associazioni sportive per sottolineare l’importanza dell’attività fisica nella prevenzione dei tumori e dalle 17 alle 18 alla Villa Comunale è previsto un convegno sulla prevenzione e innovazione in oncologia.
Questi i 9 Istituti coinvolti negli incontri in classe con gli studenti venerdì e sabato: Liceo Classico Statale “Carducci” (Cassino), Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” (Sora), Istituto Istruzione Superiore “Norberto Turriziani” Liceo Classico e Liceo Linguistico (Frosinone), Istituto Istruzione Superiore “Brunelleschi-Da Vinci” (Frosinone), Istituto Istruzione Superiore, Liceo Classico Statale “Dante Alighieri” (Anagni), Liceo Classico “Vincenzo Simoncelli” (Sora), Istituto Istruzione Superiore “Tulliano” sez. Liceo Classico e sez. Chimica (Arpino), Istituto Istruzione Superiore (Pontecorvo) e Istituto Istruzione Superiore Nicolucci Reggio, ITAS (sede di Sora).
Durante tutti gli eventi saranno distribuiti ai cittadini opuscoli sulle principali regole della prevenzione oncologica e sulle nuove armi in grado di sconfiggere la malattia o di migliorare la sopravvivenza in modo significativo.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni