Atuttapagina.it

Truffa dello specchietto, denunciati due campani a Cassino

Nel pomeriggio di ieri i poliziotti del Commissariato di Cassino hanno denunciato per truffa un uomo e una donna di origine campana perché ritenuti autori delle cosiddette truffe dello specchietto.
Le indagini, in corso già da alcuni giorni, hanno subito un’accelerazione nel pomeriggio di ieri quando si sono presentati al Commissariato alcuni cittadini che hanno denunciato di essere stati vittime, nei giorni precedenti e nella stessa giornata, della truffa del cosiddetto “specchietto rotto”, che consiste in un finto sinistro stradale messo in scena dai malfattori allo scopo di ottenere un immediato risarcimento del danno e, quindi, una risoluzione amichevole del sinistro.
I denuncianti hanno fornito ai poliziotti anche elementi utili alla ricerca dei colpevoli, quali la tipologia di autovettura utilizzata e le zone della città abitualmente frequentate dai malfattori per compiere le loro azioni criminose.
Nel corso delle ricerche attivate nell’immediatezza dei fatti i poliziotti delle volanti hanno notato due automobilisti intenti a discutere vicino le loro autovetture che erano state momentaneamente parcheggiate in una nota piazza del centro.
I poliziotti hanno deciso di intervenire e si sono resi conto di aver colto i malfattori con le mani nel sacco.
Infatti, uno dei due automobilisti ha confidato agli agenti quanto gli era accaduto alcuni minuti prima del loro intervento ovvero di essere stato accusato di aver urtato e rotto lo specchietto retrovisore di una Fiat 500L condotta da un cittadino di origine campana in compagnia di una donna. L’uomo ha proposto di risolvere bonariamente la faccenda con la consegna brevi manu a titolo di risarcimento di 100 euro.
I due sono stati subito fermati, identificati, sottoposti ai controlli di rito e, dopo ulteriori accertamenti, tra cui il raffronto con le testimonianze dei cittadini denuncianti, identificati senza ombra di dubbio come gli autori dei reati.
All’interno della Fiat 500 i poliziotti, inoltre, hanno rinvenuto e sequestrano 0,59 grammi di sostanza stupefacente del tipo cannabinoide che era nella disponibilità dell’uomo.
Per entrambi i campani, oltre alla denuncia per truffa e la segnalazione per possesso di droga, è scattato il foglio di via obbligatorio dalla città di Cassino.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni