Atuttapagina.it

Ferentino, la denuncia del consigliere Bernardini: “Le indennità dell’assessore Bacchi sono indebitamente percepite”

«Ho presentato un’interrogazione consiliare al sindaco Antonio Pompeo, poi illustrata nel Consiglio comunale, riguardante somme di indennità di carica indebitamente percepite dall’assessore comunale Luca Bacchi». Lo scrive in una nota Gianni Bernardini, consigliere comunale di Ferentino.
«Risulta anomalo che essendo un lavoratore dipendente, così come dichiarato nella sezione Trasparenza del sito web ufficiale del Comune, Bacchi percepisca 16.340 euro annui invece degli 8.170 euro previsti dalla normativa vigente, ogni anno approvata con determina dal segretario generale Franco Loi e che conferma le determine per  indennità degli anni precedenti – prosegue Bernardini -. Il sindaco ha nominato suo delegato l’assessore il 12 giugno 2013 e lo stesso amministra e rappresenta la città per la Sicurezza cittadina, Turismo, Manutenzione, Sport e Agricoltura. Ho chiesto, inoltre, al sindaco Pompeo di avviare un’indagine interna al Comune ed eventualmente denunciare le anomalie all’autorità giudiziaria. Per una questione morale e di rispetto alla città, il sindaco Antonio Pompeo non dovrebbe assecondare la grave vicenda bensì sollevare immediatamente l’assessore dal ruolo ricoperto: un atto dovuto, in quanto non meritevole di amministrare e rappresentare istituzionalmente una comunità di 21.000 abitanti, nonché Città insignita della Medaglia d’Oro al Valor Civile».
«È grave anche il fatto che chi dovrebbe controllare e vigilare su queste situazioni incresciose non lo fa. La politica è servizio alla città, è dedizione e passione. Con queste azioni allontaniamo definitivamente la gente dalla stessa, sfiduciamo definitivamente i giovani dal credere in una società dai sani principi. Sindaco Pompeo e consiglieri di maggioranza, avete una grande responsabilità in questo momento: mettete fine a tutto ciò, non  rendetevi complici in queste vicende e liberate il cielo di Ferentino da tutte queste nubi nere», conclude il consigliere Gianni Bernardini.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni