Atuttapagina.it

Frosinone, la Scuba ha riportato il basket nel capoluogo

Con la Scuba basket la palla a spicchi ha fatto finalmente ritorno nel capoluogo. L’associazione sportiva guidata dal coach Antonio Efficace e dall’assistente allenatore Alfonso Gattabuia, che si allena e gioca in casa al Palazzo dello Sport di Frosinone, oggi milita nel campionato C Silver e gareggerà, nelle prossime settimane, le ultime gare della poule salvezza. L’obiettivo di coach Efficace, annunciato già nella conferenza stampa di presentazione della squadra avvenuta lo scorso ottobre in aula consiliare alla presenza del sindaco Nicola Ottaviani e dell’assessore allo sport Gianpiero Fabrizi, consisteva proprio nel confermare la presenza della palla a spicchi frusinate nel campionato regionale, per raggiungere, poi, traguardi ancora più ambiziosi.
«Il bilancio di questa stagione è positivo. Grazie al sostegno dell’amministrazione comunale siamo riusciti a dimostrare che la nostra città può giocare, a livello regionale, alla pari con team fortissimi, con un roster di 10 ragazzi ciociari a cui vanno aggiunte due presenze esterne alla provincia. Dopo la scomparsa della Virtus si è creato un vuoto: nessuno rappresentava più la nostra città. Ci siamo dati un obiettivo e, dopo tre anni, abbiamo dato vita a una formazione con forze “interne”, ottenendo quindi un successo dal punto di vista sportivo e sociale».
I ragazzi iscritti alla Scuba superano le 150 unità e disputano tutti i campionati giovanili della Federazione Italiana Pallacanestro; si sono fatti notare anche in occasione di diverse finali nazionali. A breve la Scuba, grazie al supporto dell’amministrazione comunale e in collaborazione con l’istituto comprensivo Frosinone II diretto dalla professoressa Mara Bufalini, aprirà due nuovi centri dedicati al minibasket presso la scuola La Rinascita di Selva Piana e nel plesso di via Verdi. Il Palazzo dello Sport ospita già una scuola per bambine dai 5 agli 11 anni, realizzata con la Fip, che insegna i rudimenti della disciplina a circa 35 giocatrici in erba.
«È un onore poter giocare nella struttura del Casaleno, il miglior campo a livello regionale», ha sottolineato Efficace. «L’amministrazione ha creduto da subito nel lavoro svolto da Antonio, da Alfonso e dai loro ragazzi – ha dichiarato Ottaviani -. Lo sport rappresenta un mezzo di socializzazione, di sana competizione, di benessere per il corpo e la mente e per questo motivo vogliamo che sia praticato a tutti i livelli dai nostri giovani, a partire dalle scuole. Non solo il basket è uno strumento utile alla crescita personale, ma permette senz’altro quel contatto con il “reale” così necessario in questo periodo storico così permeato dalla virtualità. Grazie ad Antonio, ad Alfonso, ai ragazzi della Scuba che hanno lavorato duramente durante tutta la stagione, con l’auspicio di crescere ancora. Grazie anche alle famiglie dei giovani atleti che sostengono e spingono i propri figli a coltivare una passione, con tanta dedizione e impegno».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni