Atuttapagina.it

L’assenza pesante della catena di destra, quanto sono mancati Paganini e Matteo Ciofani al Frosinone!

Il peso dell’assenza della collaudata “catena” di destra si è sentito più del previsto. Il Frosinone con Matteo Ciofani e Paganini giocava praticamente a memoria su quella corsia, prima dell’infortunio di Luca e del cambio di modulo di Marino. Ciofani in difesa e Paganini a centrocampo hanno garantito fino a dicembre brillantezza, copertura, sovrapposizioni e pericolosità offensiva. Oltre a tanta corsa ovviamente.
Paganini è probabilmente il giocatore più importante a livello tattico del Frosinone. È l’elemento che consente di poter schierare almeno due diversi moduli, il 4-4-2 e il 4-3-3, e sia da classico laterale di centrocampo che da esterno d’attacco Luca dimostra tutte le sue attitudini. Non c’è la controprova, ma è più che probabile che senza il suo infortunio il Frosinone non sarebbe passato al 3-5-2. Il ritorno contro la Pro Vercelli è stato incoraggiante: Paganini ha la stessa corsa di prima del grave infortunio di dicembre e per i play-off rappresenta una delle armi più pericolose del Frosinone.
Anche Matteo è un elemento duttile tatticamente. Esterno in una difesa a 4, centrale nello stesso tipo di reparto, laterale nel 3-5-2 o centrale di destra nella difesa a 3. In ciascuno di questi quattro ruoli Ciofani ha dimostrato quest’anno di essere un elemento importantissimo. E forse fino a quel fastidioso infortunio di inizio marzo stava disputando la sua stagione migliore nel Frosinone. Anche il suo rientro nell’ultima partita di campionato è stato positivo: Matteo è già pronto per i play-off. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni