Atuttapagina.it

Veroli, i festeggiamenti della patrona Santa Maria Salome conclusi con la riconsegna della reliquia trafugata

Conclusi i festeggiamenti della Patrona di Veroli e della Diocesi, Santa Maria Salome, con la cerimonia pomeridiana di riconsegna della reliquia trafugata alla basilica da parte del Comando Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza e con il gran concerto in serata del Canzoniere Grecanico Salentino.
«Una giornata importante per la nostra comunità – hanno detto in sala consiliare il vicesindaco Cristina Verro ed il rettore della basilica Don Angelo Maria Oddi – perché grazie alle indagini ed alle operazioni dei carabinieri del T.P.C. di Cosenza la nostra gente torna in possesso della reliquia trafugata, testimonianza storica, religiosa e culturale locale a cui teniamo molto. Lavoro delle forze dell’ordine straordinario a cui va tutto il più sentito ringraziamento».
Una sala consiliare colma di gente, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, tra cui il Vicario della Diocesi, ha potuto ascoltare il racconto dei carabinieri presenti che hanno condotto l’operazione del recupero dell’importante reliquia.
«Tra le nostre attività per la tutela ed il recupero del patrimonio culturale sottratto ai territori – ha spiegato il comandante del nucleo carabinieri T.P.C. di Cosenza, capitano Carmine Gesualdo, a Veroli insieme ad uno dei suoi collaboratori, maresciallo Cataldo – c’è anche quella di monitorare il web. È qui che abbiamo scovato la vendita ad un acquirente russo della reliquia e siamo stati pronti a bloccare presso l’ufficio postale il pacco contenente la medesima già in partenza. L’operazione è stata condotta con indagini capillari e con lo studio di ogni particolare della reliquia recuperata, ciò grazie alla collaborazione ricevuta dal rettore e dall’ufficio diocesano di Frosinone».
Uno straordinario risultato, quindi, dall’importanza oltre che per il valore del patrimonio recuperato, anche per il carattere affettivo che tali oggetti sacri trasmettono alle popolazioni.
In serata, non appena terminate le liturgie nella basilica e nel duomo, conclusione dei festeggiamenti all’insegna della migliore tradizione della musica salentina, con uno dei gruppi più rappresentativi delle magiche notti della Taranta, il Canzoniere Grecanico Salentino, che ha scatenato il numeroso pubblico in balli in piazza per circa due ore. Una scelta azzeccata da parte della Pro Loco che, in collaborazione con il comitato locale ed il Comune di Veroli, ha curato l’organizzazione degli appuntamenti civili della festa patronale all’insegna della razionalizzazione delle spese e di momenti di sana spensieratezza.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni