Atuttapagina.it

Cantò con Fabrizio De André il famoso brano Geordie, ora vive ad Arpino: la storia di Maureen Rix

“Impiccheranno Geordie con una corda d’oro, è un privilegio raro. Rubò sei cervi nel parco del re vendendoli per denaro”. Chi non conosce, anche tra i più giovani, il ritornello della canzone “Geordie”? Il brano è stato inciso da Fabrizio De André e quel ritornello è cantato da una voce femminile. Quella di Maureen Rix, una signora britannica che dopo quel successo ha deciso di trasferirsi a vivere ad Arpino. Ma andiamo con ordine.
“Geordie” è una ballata risalente alla fine del 1500 e pare avere un fondamento storico nel tradimento di George Gordon, conte di Huntly, verso la corona scozzese. Siccome la Casata Gordon era comunque ricca e potente e da sempre alleata della Corona, il Re di Scozia Giacomo VI finì per concedere la grazia. Di questa ballata ne esistono infinite versioni. Lo studioso americano Child la catalogò al numero 209 del corpus di ballate popolari medievali provenienti dall’isola bretone. Fu riscoperta da Joan Baez nel 1962 e quattro anni più tardi venne incisa da Fabrizio De André e dalla sua insegnante di inglese, Maureen Rix. L’interprete femminile di “Geordie” è stata rintracciata ad Arpino da Gianna Reale, che ne ha parlato sul sito Pastorale Digitale – La vita della Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo.
«Maureen Rix è nata a Dublino, dove la madre si rifugiò con altri due figli maggiori nel 1941, durante la Seconda Guerra Mondiale, e dove rimasero sei mesi dopo la sua nascita. Tornarono a Londra e lì vissero per un po’: Maureen frequentò il liceo in una scuola privata – scrive Gianna Reale -. Dopo qualche anno si trasferì in Italia, andando a vivere e ad insegnare inglese a Genova. Fu in quello stesso istituto che conobbe Fabrizio De André. Il padre dell’artista era direttore di quella scuola e il figlio ricopriva un ruolo amministrativo. Dopo averlo conosciuto, scattò una simpatia artistica tra i due così che De André chiese a Maureen se conoscesse delle canzoni folk inglesi. In breve tempo Maureen si ritrovò ad incidere un brano a due voci con Faber: sul lato A del 45 giri che contiene “Amore che vieni, amore che vai” si trova incisa “Geordie”, con la voce femminile che appartiene a Maureen Rix. Era il 1966 ed in quel periodo fu l’unico duetto inciso dal cantautore».
Sempre in Italia Maureen conobbe Robert, che sarebbe poi diventato suo marito. Dopo essere tornata in Inghilterra e aver vissuto qualche anno Oltremanica, la coppia decise di far ritorno nel nostro Paese. Nel 2009 scelsero Arpino come luogo dove comprare casa e oggi Maureen Rix si dedica prevalentemente alla pittura.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni