Atuttapagina.it

“Chi deve realizzare l’illuminazione nelle strade adiacenti la Fca di Piedimonte?”. L’Ugl chiede chiarezza

«Chiediamo alla Provincia di Frosinone e alla Regione Lazio di fare chiarezza sulle competenze riguardanti la realizzazione dell’illuminazione delle strade adiacenti lo stabilimento Fca di Piedimonte San Germano. L’azienda automobilistica ha fatto imponenti investimenti sul nostro territorio, ma le istituzioni, invece di sostenerli e aiutare lo sviluppo economico realizzando le infrastrutture, litigano in maniera imbarazzante su chi debba eseguire i lavori». Il segretario generale dell’Ugl Enzo Valente si appella ai presidenti Pompeo e Zingaretti affinché si avvii finalmente un percorso virtuoso che porti alla risoluzione dell’annosa problematica dell’illuminazione delle strade adiacenti lo stabilimento Fca.
«Sono passate due settimane – sottolinea Valente – dall’incontro che si è tenuto presso il Comune di Piedimonte San Germano dove è emerso, su relazione del rappresentante della Provincia, come le competenze fossero a capo dell’Asi di Frosinone. Era stata, infatti, la Regione Lazio a trasferire il progetto nelle mani del Consorzio per la messa a bando dei lavori da realizzare. Il problema è sorto il giorno successivo quando il presidente dell’Asi Francesco De Angelis, che non ha preso parte alla riunione di Piedimonte, ha smentito categoricamente di avere il compito di intervenire».
Un rimpallo di responsabilità tra enti che ha del grottesco e che continua a mettere in pericolo la salute dei dipendenti della casa automobilistica del cassinate, rallentando lo sviluppo economico. «Occorre che il presidente Antonio Pompeo convochi al più presto un tavolo con tutti gli attori coinvolti nella vicenda: la Provincia, il Comune di Piedimonte San Germano, la Regione Lazio, l’Asi e il Cosilam, per definire una volta per tutte le competenze e dare il via agli interventi. Un incontro urgente per fare chiarezza su una vicenda che – chiosa Valente – dimostra come la lentezza della burocrazia regni sovrana sul nostro territorio».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni