Atuttapagina.it

Il primo ruggito del Leone, un Frosinone bello e maturo vince a Vercelli

Bello e maturo. Il Frosinone vince con autorità e mette in mostra una solidità che permette di guardare al futuro con ottimismo. Il Leone batte la Pro Vercelli per 0-2 e Longo ha tanti motivi per essere soddisfatto: questo Frosinone sa colpire e sa resistere quando c’è bisogno di stringere i denti a causa di un’inferiorità numerica. In quattro parole: una grande serata giallazzurra.
La formazione scelta da Longo è quella ipotizzata alla vigilia: sulla fascia sinistra c’è Crivello, con Beghetto in panchina, mentre in mezzo al campo Sammarco è il titolare in attesa del recupero della migliore condizione da parte di Maiello. La gara inizia con un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto che ha colpito l’isola di Ischia. I primi istanti del match sono caratterizzati da un evidente agonismo: in questo inizio le squadre faticano a trovare spazi. È il Frosinone, comunque, a dare la sensazione di provarci con maggiore insistenza. Al quarto d’ora il Leone va vicinissimo al vantaggio: Ciano serve un invitante pallone per Daniel Ciofani, che di testa manda fuori di poco. La rete dello 0-1 è rimandata di un minuto, visto che al 16′ ci pensa Dionisi a sbloccare il risultato e a segnare il primo gol del Frosinone in questo campionato. Svarione di Konate, Dionisi recupera il pallone e lascia partire un destro che si infila sotto la traversa della porta di Nobile. La squadra di Longo è meritatamente in vantaggio. Attenzione, però, alla Pro Vercelli, che subito organizza una reazione. Il caldo si fa sentire e i ritmi calano sensibilmente. Alla mezz’ora Vives lancia sulla sinistra Morra, che effettua un traversone per Germano: provvidenziale l’intervento di Krajnc a risolvere la situazione. La prima frazione scivola via con un eccessivo numero di interventi fallosi: è lo spettacolo a risentirne. Si va così al riposo con il punteggio di 0-1: il Frosinone ha sfruttato una delle rare occasioni della partita.
Dopo due minuti Morra fa correre un brivido alla difesa giallazzurra: il suo destro termina di poco fuori. Anche questa seconda frazione è caratterizzata da un gioco ricco di falli che spezzano continuamente l’azione. Al 7′ ci prova Ciano con una conclusione da 20 metri, il tiro si spegne di pochissimo sul fondo. Poi è Crivello, dalla sinistra, a mettere in difficoltà la difesa di casa con un cross insidioso. E al 12′ il Frosinone resta in dieci: il fallo di Dionisi su Legati costa a Federico il cartellino rosso. I giallazzurri cercano, in questa fase, di puntare sul possesso palla per allentare l’inevitabile pressione della Pro Vercelli. Al 22′ primo cambio di Longo: fuori Ciano e dentro Citro. Ancora Crivello sulla fascia sinistra impensierisce la retroguardia della Pro. Poi Morra ci prova da fuori: il suo sinistro si spegne sul fondo. Il Frosinone sta controllando la partita, nonostante l’inferiorità numerica. La Pro Vercelli appare stanca e un po’ confusa. Il Leone mostra un’incoraggiante maturità nel gestire la situazione dell’uomo in meno. E al 38′ trova il gol del raddoppio con Paganini, che dalla destra entra in area e lascia partire un sinistro imparabile per Nobile. È il gol dello 0-2 e quello che mette al sicuro il Leone. Longo manda adesso in campo Frara al posto di Gori, poi tocca a Matteo Ciofani al posto proprio di Paganini. La formazione di Grassadonia, con un secondo tempo insufficiente, ha spianato la strada al Frosinone. Si arriva così fino al triplice fischio finale, che sancisce la vittoria del Leone per 0-2 sul campo della Pro Vercelli. Bella la prestazione dei giallazzurri, che hanno mostrato grande maturità quando sono rimasti in dieci. C’è da essere soddisfatti e se il buongiorno si vede dal mattino… (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni