Atuttapagina.it

Il minuto 95′ toglie, il minuto 95′ dà. Ma questa volta ad Ascoli è il Frosinone a godere

Il minuto 95′ toglie, il minuto 95′ dà. E questa volta ad Ascoli ha dato la vittoria al Frosinone. Proprio come cinque mesi fa, nella partita giocata sul campo dei bianconeri, decisivo è stato il 5′ minuto di recupero del secondo tempo. Allora, però, a gioire fu l’Ascoli che pareggiò con Favilli. Questa volta a godere è il Leone, che grazie all’ultimo tuffo di Terranova ha vinto per 0-1.
Dover aver scontato le rispettive squalifiche, scendono in campo da titolari sia Dionisi che Soddimo: per Danilo è l’esordio in questo campionato; a centrocampo tocca a Frara, mentre sulla fascia sinistra si rivede Beghetto. Il Frosinone prova fin da subito a imporre il proprio gioco. I ritmi, comunque, restano bassi nei minuti iniziali. Al 7′, però, Daniel Ciofani sfiora il vantaggio: sul cross di Beghetto il colpo di testa del centravanti manda il pallone a un soffio dal palo. La squadra di Longo cresce a livello di personalità e fa adesso la partita. Intorno al quarto d’ora, però, l’Ascoli inizia a mettere la testa fuori dalla propria metà campo. E al 16′ i bianconeri sfiorano la rete: cross di Mignanelli e colpo di testa di Favilli che impegna Bardi alla deviazione in angolo. Poi ci prova Buzzegoli e per la difesa del Leone è un altro brivido. Intorno alla mezz’ora, dopo aver limitato le offensive dell’Ascoli, è di nuovo il Frosinone a rendersi propositivo. Ma la squadra di Longo non riesce a rendersi pericolosa in zona gol. E il primo tempo finisce 0-0: la partita sembra condizionata dalla pioggia.
Il secondo tempo inizia con gli stessi ritmi bassi della parte finale della prima frazione. Nel primo quarto d’ora non si conta una sola azione d’attacco da parte delle due squadre: le emozioni finora sono state rarissime. Al 19′ è Carpani a rendersi pericolosissimo in un’azione in mischia sugli sviluppi di un corner: da ottima posizione calcia fuori. Tre minuti dopo primo cambio nel Frosinone: Soddimo lascia il posto a Sammarco. L’uscita dal campo del numero 10 fa calare il livello di qualità del Leone. E al 30′ all’Ascoli capita la palla gol più importante della partita fino a questo momento: cross di Mignanelli, un rimpallo agevola Favilli che a botta sicura si vede respingere il tiro. Poi Longo manda in campo Ciano e Gori per Daniel Ciofani e Frara. Che la partita sia giocata su ritmi molto bassi lo dimostra la prima ammonizione del match, che arriva solo al 41′ di questo secondo tempo: a ricevere il cartellino giallo è il bianconero Padella. Il risultato di 0-0 non sembra cambiare in questi istanti finali. Ma quando il pareggio sembra ormai inevitabile, ecco verificarsi l’incredibile. Siamo al 50′, il Frosinone beneficia di un calcio d’angolo, alla battuta va Ciano che mette in mezzo: stacca Terranova, il cui colpo di testa è vincente e per il Leone si tratta del gol dello 0-1.
Il minuto 50! Quello che ad aprile, proprio ad Ascoli, costò due punti al Frosinone, che si fece raggiungere sull’1-1 da Favilli: due punti che, di fatto, costarono la promozione diretta alla squadra di Marino. Cinque mesi dopo il riscatto. E chi può dire che questo non sia un chiaro segnale di un vento finalmente cambiato? (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni