Atuttapagina.it

Frosinone, lo storico esordio allo Stirpe è senza vittoria ma il pari vale il primato solitario

Lo storico debutto al “Benito Stirpe” non si conclude con la tanto attesa vittoria, ma lo 0-0 contro la Cremonese vale comunque il primato in solitaria in classifica. Al Frosinone non riesce di vincere la prima gara ufficiale nella sua nuova casa: è mancata incisività in zona d’attacco e, nel complesso, il gioco è stato meno fluido rispetto ad altre volte. La formazione di Tesser ha fatto la partita che voleva e al Leone non è riuscito di trovare il colpo vincente. Questa data, in ogni caso, rimarrà nella memoria e negli almanacchi per la sua importanza.
Ci sono un paio di novità rispetto alla formazione ipotizzata alla vigilia: Sammarco viene preferito a Maiello, mentre a sinistra gioca Beghetto con Crivello in panchina. È uno spettacolo la scenografia realizzata dalla Curva Nord per festeggiare il debutto ufficiale del “Benito Stirpe”: un immenso copri-curva raffigurante Benito e Maurizio Stirpe e la scritta “Un sogno che diventa realtà, siete l’orgoglio di questa città”. Il Frosinone mette immediatamente pressione alla Cremonese, raddoppiando sul portatore di palla. La formazione di Tesser, comunque, non sembra lasciarsi intimorire e prova a mettere la testa fuori dalla propria metà campo. Al 24′, in rapida successione, due occasioni per il Frosinone: prima Ciano chiama Ujkani alla respinta con un violento mancino, subito dopo Dionisi con un diagonale di destro manda il pallone fuori di pochissimo. Il break della Cremonese non si fa attendere: è Pesce con un sinistro a giro a sfiorare il palo della porta di Bardi. Ma al 33′ è il Frosinone ad andare ancora più vicino al vantaggio: sul traversone di Ciano, Dionisi colpisce di testa e manda il pallone sulla traversa. La partita si infiamma nei minuti finali del primo tempo, dopo una prima parte del match giocata su ritmi compassati. Ma il risultato non cambia e all’intervallo si va sullo 0-0: meglio il Frosinone rispetto alla Cremonese, almeno per quanto riguarda la pericolosità offensiva.
La Cremonese negli istanti iniziali della ripresa prova a far circolare il pallone nel tentativo di aprire la difesa giallazzurra. Bisogna aspettare il 21′ per vedere il primo tiro in porta: è Gori a cercare di sorprendere Ujkani con un mancino da fuori area che si spegne di pochissimo sul fondo. Poi ci prova Dionisi, servito da Beghetto: la conclusione di Federico viene bloccata dal portiere grigiorosso. I ritmi sembrano alzarsi, anche se manca la giocata decisiva per sbloccare la partita. A dieci dal termine doppio cambio nel Frosinone: Maiello e Frara entrano al posto di Gori e Matteo Ciofani. Longo cerca di dare energie fresche al centrocampo. La gara adesso sembra essersi fatta anche più “ruvida”: il livello agonistico è salito di tono. A quattro minuti dal termine c’è spazio per Volpe, che rileva Soddimo. E al 46′ il Frosinone manca la clamorosa occasione per segnare: azione partita da Dionisi, il pallone arriva sul destro di Sammarco che all’altezza del dischetto calcia quasi a botta sicura ma trova la respinta sulla linea di Canini. È l’ultima occasione della partita. Il “Benito Stirpe” debutta con uno 0-0: al Leone è mancata la zampata vincente. In classifica, comunque, il Frosinone allunga al comando da solo e non è affatto una brutta notizia. (Gabriele Margani)

Foto di Federico Casinelli

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni