Atuttapagina.it

Lo spirito del Matusa trasferito al Benito Stirpe, è già un fortino la casa del Leone

«Stiamo sviluppando altri progetti dentro ed intorno allo stadio perché il “Benito Stirpe” diventi sempre di più la casa di tutti i nostri tifosi». Così si è espresso il presidente Maurizio Stirpe a proposito dei piani relativi allo stadio. Il nuovo impianto, dopo una doppia falsa partenza con Cremonese e Palermo, sembra già aver preso il posto, quanto meno in termini di risultati, del “vecchio ma affascinante Matusa”. I due successi contro Ternana e Parma hanno regalato al Frosinone i primi 6 punti nella sua nuova casa e hanno proiettato il Leone in testa alla classifica.
Il passaggio nel nuovo stadio si temeva fosse più traumatico. Del Matusa i tifosi conoscevano i difetti ma anche i pregi, con quell’incredibile effetto “dodicesimo uomo” esaltato dalla vicinanza degli spalti al campo. Ma il “Benito Stirpe” non è da meno: la particolare struttura con la copertura di tutti i settori enfatizza l’incitamento del pubblico. E poi il fascino dell’impianto, così simile ai piccoli stadi inglesi, sta facendo il resto. Insomma, nella corsa al suo obiettivo il Frosinone può contare su un fedele alleato: lo stadio comunale “Benito Stirpe”. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni