Atuttapagina.it

Case famiglia per minori, la Regione Lazio raddoppia le risorse

Le case famiglia per minori del Lazio potranno contare su una retta minima giornaliera di 100 euro e sul raddoppio delle risorse regionali. È quanto deciso dalla giunta Zingaretti che con una delibera ha fissato per la prima volta una tariffa minima di riferimento a livello regionale per l’accoglienza nelle strutture residenziali per i minori in difficoltà (case famiglia, gruppi appartamento e comunità educative) e ha disposto l’aumento da 3 a 6,4 milioni dell’apposito stanziamento annuale destinato ai Comuni.
«Con uno sforzo enorme siamo riusciti in un’impresa storica per il Lazio: l’introduzione della tariffa minima e il raddoppio delle risorse economiche alle Case famiglia per minori – ha dichiarato il presidente delle Regione Lazio, Nicola Zingaretti -. Siamo orgogliosi di questa operazione perché investiamo sul miglioramento della qualità dell’accoglienza: si tratta di un fatto di giustizia sociale nei confronti degli oltre 1.700 bambini e ragazzi del Lazio che hanno bisogno di un percorso assistenziale continuo che permetta loro di superare la condizione di disagio e un aiuto concreto ai Comuni del Lazio».
«La nostra riforma regionale del welfare ci impone di assicurare un livello omogeneo di prestazioni anche per quanto riguarda le strutture residenziali e semiresidenziali per minori con fragilità sociali – spiega l’assessore alle Politiche sociali della Regione Lazio, Rita Visini -, mentre oggi sul territorio sono presenti situazioni molto diversificate e le rette erogate dai Comuni sono insufficienti a garantire un funzionamento efficiente delle case famiglia». Inoltre, conclude l’assessore, novità in vista anche per l’accoglienza dei minori con disabilità: «La Giunta ha stabilito che nel loro caso le tariffe minime dovranno essere ulteriormente maggiorate per far fronte al carico assistenziale supplementare: un decreto del commissario ad acta stabilirà a breve i nuovi costi a carico delle Asl competenti».
Nel dettaglio, la Regione Lazio ha definito i nuovi parametri per la determinazione delle rette in base a tutti gli aspetti che riguardano l’assistenza e l’accoglienza dei bambini e dei ragazzi e ha stabilito che le tariffe comunali non potranno essere inferiori a 100 euro al giorno per ciascun ospite. Fino ad oggi non esisteva una retta minima e l’importo medio a livello regionale si attesta intorno ai 74 euro al giorno. I Comuni del Lazio saranno obbligati ad adeguare le loro tariffe in maniera progressiva: dal 1 gennaio 2018 l’importo dovrà salire a 80 euro, dal 1 gennaio 2019 a 90 euro, per poi arrivare a 100 euro a partire dal 1 settembre 2019.
Sarà la Regione a farsi interamente carico dell’incremento di spesa dovuto all’adeguamento tariffario, per supportare i Comuni nel dare le risposte ai bambini e ai ragazzi più fragili della regione. Lo stanziamento regionale per la compartecipazione delle rette passerà, dunque, dai 3 milioni del 2017 a 4,8 milioni nel 2018 fino a 6,4 milioni nel 2019.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni