Atuttapagina.it

Crisi Ideal Standard, l’Ugl Lazio chiede a Zingaretti di intervenire

«La Regione Lazio non può limitarsi al ruolo di notaio passivo della desertificazione industriale del frusinate. Il governatore Zingaretti e la sua giunta devono farsi promotori di un’azione politica in grado di arginare le delocalizzazioni che il territorio da tempo continua a subire». È questa la richiesta avanzata dal segretario regionale dell’Ugl Lazio, Armando Valiani, all’indomani dell’annunciata chiusura dell’Ideal Standard di Roccasecca, ennesimo colpo mortale inferto all’economia della Ciociaria.
«Una regione che vuole essere virtuosa – incalza Valiani – deve essere in grado di anticipare gli eventi e creare gli strumenti per evitare quanto accaduto al sito industriale di Roccasecca. Il territorio laziale continua a perdere lavoro qualificato per lasciare spazio a quello a basso costo e con scarso valore aggiunto. Non bastano i proclami secondo i quali l’occupazione nel Lazio è in ripresa perché occorre vedere con quali contratti i lavoratori vengono assunti. Accordi precari di pochi mesi, quelli che nella maggior parte dei casi vengono siglati oggi non danno certo garanzie future alle famiglie e questa non è certamente la strada giusta per la ripresa. Alla Regione e al suo governatore chiediamo di mettere finalmente in campo una seria politica per il lavoro attivo, soprattutto, nel frusinate e fermare l’assistenzialismo, perché i finanziamenti finiscono presto e non danno garanzie per il futuro».
Da parte del segretario dell’Ugl Lazio arriva poi l’invito «a partecipare in tanti alla manifestazione di venerdì davanti al Ministero del Lavoro per rivendicare il diritto ad avere un’occupazione sicura e con contratti dignitosi».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni