Atuttapagina.it

Cassino, denuncia di essere stato rapinato ma si era inventato tutto: denunciato a sua volta per simulazione di reato

«Sono stato rapinato». Così inizia il racconto di un 24enne di origini campane giunto presso gli uffici del Commissariato di Cassino per formalizzare la denuncia contro due malviventi, con chiaro accento polacco, che si erano impossessati della lussuosissima auto su cui viaggiava.
Il giovane riferisce che, mentre si trovava a bordo dell’auto, il veicolo che lo seguiva gli segnalava, con l’utilizzo degli abbaglianti, di fermarsi.
Nel momento in cui accostava, due uomini incappucciati lo minacciavano con una pistola e gli intimavano di consegnare loro la berlina. Il 24enne impaurito, come ha riferito, ha seguito le indicazioni.
Rubata l’auto, gli “sbadati” rapinatori dimenticavano di privare il conducente del telefonino, che comunque non utilizzava per allertare le Forze dell’Ordine, preferendo arrivare a piedi al più vicino posto di polizia.
Le contraddizioni emerse nel corso del racconto – tra cui un fantomatico casello A1 – non hanno convinto gli inquirenti che, dopo immediati accertamenti, hanno denunciato il “denunciante” per simulazione di reato.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni