Atuttapagina.it

Frosinone ricorda i tre Martiri toscani a 74 anni dall’eccidio nazista in viale Mazzini

Questa mattina a Frosinone, nel corso di una solenne cerimonia, sono stati ricordati Giorgio Grassi, Pierluigi Banchi e Luciano Lavacchini, passati alla storia come “i tre Martiri toscani”, nel 74° anniversario dell’eccidio. La commemorazione, punteggiata dalle emozionanti note eseguite dalla banda “Romagnoli”, è avvenuta presso il monumento di viale Mazzini alla presenza del presidente provinciale Anpi, Giovanni Morsillo, degli iscritti all’associazione e di numerosi cittadini intervenuti.
«La partecipazione alla cerimonia di oggi – ha dichiarato il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani – testimonia, in maniera inequivocabile, come il loro sacrificio non sia stato vano e abbia lasciato una traccia importante in tutti noi. Giorgio, Pierluigi e Luciano sono stati vittime di una mano assassina, ma, soprattutto, di una sottocultura: ovunque vi sia intolleranza e spregio della libertà altrui, allora vi è anche scarsa sensibilità verso la natura stessa dell’uomo, verso quella humanitas che conduce alla comprensione e all’inclusione, rifuggendo da ogni tipo di esclusione, emarginazione, violenza. Il fascismo e l’intolleranza verso coloro che non la pensano come noi devono restare al di fuori del perimetro democratico: chi alza la voce, chi mostra rabbia e arroganza non è compatibile con la sintesi democratica. Il nostro territorio attraverso la commemorazione odierna esprime ai tre Martiri il giusto tributo, sotto il profilo della riconoscenza istituzionale. Senza dimenticare che tutti noi abbiamo il dovere di coltivare ogni giorno la memoria, la coesione sociale e la partecipazione, valori fondanti del vivere democratico».


Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni