Atuttapagina.it

Sanità, Quadrini: “Situazione al collasso, Zingaretti raffigura un Lazio distante dalla realtà”

«Si susseguono gli episodi di cattiva sanità nel Lazio ed in particolare nella provincia di Frosinone, dove i cittadini si trovano a dover fare i conti con le solite annose problematiche quali lunghe liste di attesa, file nei pronto soccorso, mancanza di posti letto, chiusura di reparti e mancanza di attrezzature per esami diagnostici. Fattore, questo, che costringe sempre più pazienti a doversi recare in altre strutture fuori regione, in primis in Abruzzo, per potersi curare». È il consigliere provinciale capogruppo di FI, Gianluca Quadrini, a puntare l’attenzione sui disservizi nella sanità provinciale.
«Siamo la prima regione il Italia per la mobilità passiva e questo fa riflettere. Lo sfascio della sanità ciociara è sotto gli occhi di tutti – tuona Quadrini -, evidentemente è meno visibile a chi ha un interesse politico ed elettorale a continuare a dire che tutto va bene mentre la nave si inabissa sempre più velocemente, lasciando i cittadini sempre meno tutelati dal punto di vista sanitario».
«Siamo al collasso più totale. Non c’è alcuna struttura disponibile nel Lazio in grado di fissare un appuntamento entro i tempi di legge (30 giorni per le visite ambulatoriali, 60 per le prestazioni diagnostiche per immagine). Le liste d’attesa peggiorano fino ad 11 mesi per una Tac del capo. Per l’elettrocardiogramma dinamico bisogna aspettare fino a ben 327 giorni di fila. Questo è davvero inaccettabile».
«Cosa ha fatto questa amministrazione regionale in cinque lunghi anni a favore della sanità della nostra provincia? Nulla – afferma Quadrini -. Ogni occasione è stata buona per Zingaretti per giocare con le parole facendosi beffa dei cittadini e raffigurando un Lazio distante dalla realtà. Zingaretti deve sapere che, anche se siamo a ridosso di una campagna elettorale, i cittadini ciociari non sono così sprovveduti da continuare a credere ai soliti annunci. Ma hanno le idee ben chiare sul voto del 4 marzo prossimo quando un decisivo cambio di rotta porterà a governare la Regione il centrodestra che ha pronto un programma serio e concreto per risollevare la sanità dal baratro in cui è sprofondata, prima che raggiunga una situazione irrecuperabile».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni