Atuttapagina.it

Elezioni Lazio, il racconto di Gianfranco Giuliani: “Escluso dalla lista di Sergio Pirozzi senza motivazione”

«Dopo un silenzio consigliatomi dal mio avvocato, sento il dovere di chiarire alle tante persone che mi hanno dato fiducia e credono in me quanto accaduto riguardo la mia candidatura come consigliere regionale nella lista di Sergio Pirozzi». Sono le parole di Gianfranco Giuliani, escluso dalla lista di Pirozzi per il rinnovo del Consiglio regionale.
«Fin dal mese di settembre 2017 ho dato la disponibilità per la mia candidatura, seguendo passo passo la crescita del comitato di Sergio Pirozzi e ho inviato il mio curriculum e le mie proposte sulle criticità della provincia – spiega Giuliani -. Sono stato presente a dicembre all’inaugurazione della sede del comitato a Roma, dove sono stati invitati la stampa e tutti i candidati. Da gennaio mi sono dedicato completamente a questo progetto, in un periodo molto delicato della mia vita personale e, sentendo il bisogno di circondarmi di persone sincere e semplici come me, ho creduto nel progetto di Sergio Pirozzi. Il 17 gennaio si è concretizzata la mia candidatura, sottoscrivendo l’accettazione della stessa, nonché il modello di impegno alla restituzione di 1.000 euro mensili in caso di elezione al Consiglio regionale. Da tale data è partita la mia campagna elettorale, esponendomi in prima persona con tutti i miei sostenitori e i numerosi conoscenti, promuovendo l’apertura di un comitato per Pirozzi ad Anagni, pubblicizzando la mia candidatura sui social e sugli organi di stampa, impegnandomi anche economicamente per la buona riuscita della campagna elettorale stessa».
«A fine gennaio, con una telefonata, mi è stata comunicata la mia cancellazione dalla lista elettorale, senza una motivazione né verbale, né scritta – racconta Giuliani -. Tale esclusione ha vanificato il tempo, le spese e il lavoro effettuato in questi mesi, ma ha determinato soprattutto un evidente danno di immagine per me, che sono stato sempre stimato e benvoluto anche nell’ambito dell’incarico che ricopro di segretario provinciale della Ugl Chimici. Purtroppo ho fatto l’errore di credere in persone che mi hanno voltato le spalle. Ho fatto questo racconto pubblicamente perché dalla mia esperienza tutti possano trarre le giuste conclusioni».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni