Atuttapagina.it

Cassino, bimbo al pronto soccorso del Santa Scolastica per sospetta meningite: trasferito al Gemelli di Roma

Sospetta meningite: bimbo di due anni elitrasportato al Gemelli di Roma. Scatta la profilassi contro la meningite per tutti i sanitari e i parenti.
Il fatto si è verificato ieri mattina poco dopo le 10, quando al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Scolastica” di Cassino si è presentata una coppia di Cassino con un bambino che aveva febbre e dolori: ai medici è bastato poco per capire che quei sintomi erano i classici della meningite. Per questo, dopo un primo controllo, i sanitari hanno deciso che, per garantire cure appropriate al piccolo, era necessario il trasferimento all’ospedale Gemelli, per cui intorno alle 11 è atterrato un elicottero che ha trasferito il bambino a Roma.
Una sospetta meningite di tipo meningococcica, vale a dire di origine batterica, che si differenzia da quella virale, meno grave, che ha un impatto minore sulla salute. Il sospetto dei medici del pronto soccorso di Cassino è proprio questo: che il bambino potrebbe avere la meningite più pericolosa – vale a dire l’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale – per cui ora saranno le analisi eseguite a Roma a dire se il sospetto sia fondato o meno.
In via precauzionale, però, la Asl ha disposto la disinfestazione al pronto soccorso di Cassino e ai mezzi che hanno trasportato il bambino. Inoltre, è scattata la profilassi per tutti i sanitari presenti e venuti a contatto con il piccolo paziente. Per tutti è stata disposta l’assunzione di una dose di antibiotico tipo Ciproxin da 750.
Si tratta, ovviamente, di una somministrazione preventiva prevista dai protocolli del Ministero della Sanità, non c’è alcun allarme o pericolo per chi si reca al pronto soccorso di Cassino.

Fonte: Il Messaggero

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni