Atuttapagina.it

Serve il coraggio di cambiare: se non lo farà Longo, toccherà alla società

Guai a parlare di un Frosinone in piena corsa per il secondo posto e di discorso per la promozione diretta ancora aperto. I numeri, i risultati e, soprattutto, le prestazioni degli ultimi due mesi dicono altro. Se il Leone è ancora lì su, è solo per il “tesoretto” accumulato fino all’inizio del girone di ritorno e anche per la “pareggite” del Palermo e delle altre avversarie.
Ma a suon di risultati negativi la classifica inizia a farsi molto meno bella per i giallazzurri. E di questo passo si rischia di scivolare ancora più in basso: non tenerne conto sarebbe come mettere la testa sotto la sabbia e far finta di niente.
È giunto il momento del coraggio. Quello che serve per cambiare marcia e riprendere un cammino che adesso rischia di portare dritto a una cocente delusione. E il coraggio deve averlo per primo Longo. L’allenatore faccia scelte meritocratiche e non dettate dal nome e dal curriculum dei giocatori: metta da parte qualche big che non sta rendendo secondo le aspettative e si affidi a chi è più in forma. Longo, che ha l’attenuante della giovane età e della poca esperienza, finora ha mostrato una certa “sudditanza” nei confronti di qualche senatore: prenda coraggio e faccia altre scelte per il bene del Frosinone.
E lo stesso coraggio deve averlo nel prendere in considerazione altre soluzioni tattiche. Il 3-4-1-2 non deve essere un dogma e non può imprigionare il Frosinone. La squadra può giocare in un altro modo? Considerata la quantità di uomini in ogni reparto, la risposta è sì: l’allenatore, allora, studi altre soluzioni rispetto a un’impostazione tattica che non sta aiutando il Leone in questa fase della stagione.
Ma la domanda più importante, però, è un’altra: Moreno Longo ha questo coraggio tra le sue qualità di allenatore? Vogliamo credere di sì, ma se così non dovesse essere toccherà alla società aiutare il tecnico: la stagione ha preso una piega tale che tutti devono sentirsi chiamati a fare qualcosa per evitare di buttare via un intero campionato. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni